il magazine dedicato al mondo del credito

di:  

fintech

Fintech, una risorsa per le PMI: 4 miliardi di euro erogati nel 2021

Ad oggi, la finanza digitale rappresenta un’importante risorsa per le PMI. Nel 2021 i finanziamenti fintech alle imprese ammontano a un totale di 4,23 miliardi di euro

Il mercato del Fintech è in crescita e sta assumendo un ruolo sempre più importante per le aziende e le PMI italiane. Se prima del covid, l’accesso al credito risultava piuttosto difficile, dal 2020 in poi le banche fanno sempre più fatica ad elargire i prestiti. L’Autorità di Vigilanza Bancaria ha imposto agli istituti di credito rigidi parametri di valutazione del merito creditizio, mentre la crisi sanitaria ha peggiorato ulteriormente la situazione. Il numero di aziende che necessita di liquidità è aumentato, viceversa le possibilità di ottenere i finanziamenti richiesti sono diminuite . Per questo motivo, molte organizzazioni hanno iniziato a guardare altrove rispetto ai canali di approvvigionamento tradizionali.

Più della metà delle piccole medie imprese ha deciso di affidarsi ad altri partner finanziari come per esempio le Fintech. Secondo i dati raccolti da ItaliaFintech, dal 2020 ad oggi i finanziamenti lending alle PMI sono più che quadruplicati, raggiungendo nel primo trimestre del 2022 quota 1,1 miliardi di euro. Parallelamente anche il numero di aziende finanziate è aumentato, passando da 676 unità a 2.987 unità. Stando al 4° Rapporto sulla Finanza Alternativa per le PMI, nel 2021 le piattaforme fintech hanno erogato finanziamenti a startup e PMI per un valore complessivo di 4,23 miliardi di euro, passando dai 2,3 miliardi del 2020 e dai 1,4 miliardi del 2019.

Lo strumento più utilizzato è l’invoice trading, ossia il servizio di anticipo fatture, con oltre 2 miliardi di euro di prestiti erogati nel 2021. L’invoice trading è un canale di finanziamento adottato da un numero molto elevato di PMI ed è certamente lo strumento più utilizzato fra tutti quelli considerati, poiché permette di smobilizzare il capitale ottenendo liquidità in tempi brevi. Oltre ad essere sempre più utilizzati dalle aziende, questi strumenti trovano il favore di un numero crescente di privati e risparmiatori. Uno studio ha evidenziato che circa il 75% degli italiani è interessato dai servizi offerti dalla finanza digitale, mentre circa la metà già li utilizza.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto