di:  

imprese rischio default

Cerved: 99 mila imprese italiane a rischio default

Secondo l’Osservatorio di Cerved, tra il 2021 e il 2022, le imprese a rischio default sono aumentate del 2%, con 11 miliardi di euro di debiti in più

Quasi centomila aziende italiane rischiano di chiudere nel 2022. È il dato emerso dall’ultimo report dell’Osservatorio Rischio Imprese di Cerved che ha coinvolto 618 mila società di capitale in Italia nel triennio 2019-2022. Rispetto all’anno scorso le imprese italiane a rischio default sono aumentate del 2%, passando dal 14,4% al 16,1% (+11 mila società rispetto al 2021). Anche l’ammontare dei debiti complessivi è salito: si tratta di 107 miliardi di euro (+11 miliardi rispetto al 2021). Sintomatico anche l’aumento delle società considerate “vulnerabili”. Quest’ultime, infatti, tra il 2019 e il 2022 sono passate dal 29,3% al 32,6% per un totale di oltre 200 mila unità. Viceversa, i debiti finanziari raggiungono quota 195 miliardi di euro (+28 miliardi rispetto al 2019).

Le imprese fragili si trovano prevalentemente nel Sud Italia, dove costituiscono il 60,1% del totale. Le province con il maggior numero di aziende a rischio sono Terni, Isernia, Crotone, Cosenza, Reggio Calabria, Messina e Siracusa. Viceversa, le province con i peggioramenti più significativi sono ancora Isernia, Foggia, Matera, Cagliari, ma anche Roma. I lavoratori impiegati in aziende fragili sono circa 3 milioni, di cui 831 mila in imprese a forte rischio e 2,1 milioni in aziende vulnerabili.

I settori più colpiti sono i servizi non finanziari (in particolare ristorazione e alberghi), le costruzioni, i trasporti e il comparto siderurgico. Per quanto riguarda le dimensioni, il peggioramento è più consistente tra le microimprese (dal 14,9% al 16,7%) e le piccole imprese (dall’8% al 9,9%), più colpite dalla pandemia e più esposte agli effetti dei rincari.

“Le tempestive misure di salvaguardia adottate durate la pandemia hanno contribuito a mettere in sicurezza il sistema e il forte rimbalzo delle performance economiche legate agli effetti del PNRR ha portato a disegnare scenari migliorativi” ha sottolineato Andrea Mignanelli, Ad di Cerved. “Tuttavia, le condizioni subentrate nei primi mesi del 2022, ossia l’aggravarsi dei rincari delle materie prime e il conflitto russo-ucraino, seguiti da inflazione, aumento del costo del debito e phasing out delle misure di sostegno, hanno purtroppo minato la capacità di tenuta di un sistema produttivo già debilitato”.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto