di:  

Le cose importanti da sapere sul crollo di FTX

Le cose importanti da sapere sul crollo di FTX

Il crollo della borsa di criptovalute FTX ha scosso il mondo delle criptovalute, e ha scatenato una corsa alla ricerca di miliardi di dollari scomparsi.

Premessa

Per rendere le cose ancora più complicate, le borse di criptovalute sono così nuove che i tribunali fallimentari non hanno ancora dovuto risolvere le complesse questioni legali relative al loro fallimento.

Ecco quindi tre cose importanti da sapere, e da tenere a mente, sul caso di bancarotta di FTX, per comprenderne appieno l’importanza.

Battaglia legale

In primo luogo, è in corso una crescente battaglia giurisdizionale per stabilire se la procedura di bancarotta debba svolgersi negli Stati Uniti o alle Bahamas (dove FTX aveva trasferito la sede legale di recente).

L’11 novembre, il giorno in cui il fondatore di FTX Sam Bankman Fried (SBF) ha rassegnato le dimissioni, FTX e più di 130 società affiliate hanno presentato istanza di bancarotta per il capitolo 11 nel Delaware, ma il governo delle Bahamas sembra contestare questa sede.

Il 15 novembre, un liquidatore nominato dal tribunale delle Bahamas ha presentato a New York un’istanza di fallimento di tipo Chapter 15 per conto di FTX Digital Markets. In sostanza, ha chiesto di spostare alcuni procedimenti legali alle Bahamas.

Ha sostenuto che le Bahamas hanno giurisdizione su FTX digital e su altre entità gestite da SPF da un enorme complesso di uffici a Nassau.

Non è raro che il governo delle Bahamas sorvegli il fallimento di una società con sede alle Bahamas, ma i nuovi dirigenti della FTX hanno criticato la mossa, definendola un palese tentativo di evitare la supervisione del tribunale del Delaware, e di mantenere la filiale FTX alle Bahamas isolata dal resto della società.

Essi sostengono che tutti i procedimenti dovrebbero svolgersi in un unico tribunale fallimentare, quello del Delaware, in modo che la società possa garantire i propri beni. L’udienza per la disputa sulla sede è fissata per lunedì 28.

Il nuovo CEO, John J. Ray

A proposito del nuovo management di FTX, sembra che sentiremo parlare molto di John J. Ray.

È il nuovo amministratore delegato di FTX, e ha risolto Enron e altri grandi fallimenti aziendali.

È già diventato una figura chiave nel procedimento, e ha fatto notizia con la deposizione in tribunale di giovedì 24 novembre.

In essa ha sottolineato di avere oltre 40 anni di esperienza legale e di ristrutturazione, e che mai nella sua carriera aveva visto un così completo fallimento dei controlli aziendali e una così totale assenza di informazioni finanziarie attendibili. Inoltre, ha dichiarato che FTX era gestita da “un gruppo molto ristretto di individui inesperti, non sofisticati e potenzialmente compromessi“.

La documentazione continuava a dipingere un quadro delle finanze caotiche di FTX. E riguardo ai bilanci di FTX e delle sue controllate, Ray ha ripetutamente affermato: “Non ho fiducia in loro”. Un’e-mail inviata alla Bankman Fried per un commento al riguardo è stata respinta automaticamente dal mailer di posta.

Il nuovo management di FTX sta ora cercando di capire quanti soldi, davvero, abbia in cassa la società.

Cosa significa tutto questo per i clienti?

Ci sono ancora molte incognite. Si tratta del più grande crollo di una borsa di criptovalute mai avvenuto, ed è gestito da un sistema fallimentare che non ha ancora capito le criptovalute.

Secondo gli esperti legali, questo è dovuto al fatto che la questione è così nuova che i tribunali non hanno ancora avuto la possibilità di decidere questioni legali complesse, come la questione di chi sia il proprietario delle valute digitali. È la borsa delle criptovalute o il cliente che ha effettuato un deposito?
FTX ha dichiarato che il numero di creditori in bancarotta potrebbe superare il milione.

Gli esperti legali affermano che probabilmente passerà molto tempo prima che i clienti di FTX abbiano un’idea più precisa di quanto potranno recuperare e di quali eventuali ricorsi legali potranno avere nei confronti di SBF e di altri soggetti che, secondo quanto riferito, erano a conoscenza dell’uso improprio dei fondi dei clienti di FTX.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

    La tua email *

    Numero di cellulare

    Nome *

    Cognome *

    Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto

    *

    Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto