di:  

Credito, in aumento i casi d’insolvenza in Europa

Secondo il report di Atradius il 2019 si chiuderà con un incremento delle insolvenze del 2,7%. Il trend negativo è destinato a confermasi anche per il 2020
Crediti insoluti in aumento: lo rivela Atradius, gruppo assicurativo operante nel settore del credito e delle informazioni commerciali, attraverso il “Barometro Atradius sui comportamenti di pagamento tra imprese a livello internazionale – Focus: Europa occidentale” che ha coinvolto diversi Paesi europei quali, Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Spagna, Svezia, Svizzera, Olanda e Regno Unito.
Dal sondaggio è emerso un incremento del 2,7% (previsione per fine anno) dei casi d’insolvenza in Europa occidentale. Il trend è destinato a confermarsi anche per il 2020. I fattori principali alla base di questo risultato sono il rallentamento globale della crescita economica, il protrarsi della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti e l’incertezza sui rapporti futuri tra Regno Unito e Ue. Per il 30% del totale delle aziende intervistate il valore delle fatture B2B emesse nell’ultimo anno è rimasto non pagato alla scadenza. In cima alla lista il Regno Unito (35,1%), mentre il valore più basso spetta alla Danimarca (20,3%). L’Italia si attesta al 31,3%.
In aumento anche il valore totale delle transazioni commerciali tra aziende effettuato a credito (60,4% nel 2019 a fronte del 41,4% del 2018). Le aziende danesi risultano le più propense a concedere credito ai propri clienti (75,5%), quelle francesi le meno (44,6%). Il dato relativo alle imprese italiane è pari al 52,9%. In aumento anche la percezione del rischio di credito da parte delle aziende, in particolare nel Regno Unito (dilazioni di pagamento medie concesse pari a 20 giorni, rispetto ai 24 giorni dello scorso anno) e dell’Irlanda (28 giorni, rispetto ai 31 giorni del 2018). La media per le imprese europee è pari a 34 giorni, per l’Italia si sale a 51 giorni dalla data di emissione della fattura.
Non sorprende quindi che la valutazione della solvibilità degli acquirenti e l’invio di solleciti di pagamento siano le attività di gestione del credito commerciale più utilizzate in Europa occidentale. La media europea è del 35%, mentre l’Italia si posiziona al 42%. Massimo Mancini, Country Manager di Atradius Italia ha sottolineato: “Il previsto aumento delle insolvenze in Europa occidentale per il 2019, che in Italia sale al 4%, dovuto alle tensioni politiche e commerciali a livello globale, unitamente ai ritardi di pagamento attesi dalle aziende intervistate nei prossimi mesi, indicano la necessità per le aziende del nostro Paese, in particolare per i nostri esportatori, di valutare con attenzione il merito di credito delle proprie controparti commerciali, sopratutto sui mercati esteri”.
 

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto