di:  

IBL Banca offre l’assegno digitale Plick ai correntisti di ControCorrente

Il nuovo sistema di pagamento, ideato dalla fintech italiana PayDo, permette di inviare denaro tramite WhatsApp, sms o e-mail

IBL Banca, capogruppo del gruppo bancario leader nel settore dei finanziamenti tramite cessione del quinto, questo mese ha siglato un accordo con la fintech italiana PayDo per introdurre Plick: un assegno digitale dedicato a tutti i clienti che aprono ControCorrente, il conto corrente remunerato e digitale della banca. Con quest’accordo, i correntisti di IBL Banca possono usufruire dell’innovativo servizio di pagamento che consente di inviare denaro senza necessità di conoscere le coordinate bancarie del beneficiario, ma solo il suo numero di cellulare o l’indirizzo di posta elettronica. L’applicazione delle tecnologie ai servizi di pagamento sta aprendo nuovi scenari che contribuiscono allo sviluppo di nicchie di business e introducono innovative modalità per gestire le transazioni economiche semplificando tante operazioni quotidiane. Ad esempio, nel settore del riuso come l’acquisto di beni di seconda mano, Plick facilita gli scambi, dato che permette di inviare un pagamento irrevocabile e non richiede l’inserimento dell’Iban.




La tecnologia Plick consente inoltre di programmare pagamenti futuri dando la possibilità di versare una somma in una determinata data in modo da gestire le uscite compatibilmente con la capienza del proprio conto. Plick può risultare molto utile anche per il trasferimento di denaro tra familiari, come nel caso di invio ai figli all’estero per una vacanza studio. I titolari di ControCorrente con Plick possono effettuare pagamenti a chiunque in Europa nell’area Sepa (Single Euro Payments Area) in modo semplice e veloce, tramite WhatsApp, sms o via mail e senza dover scaricare una ulteriore app o effettuare registrazioni. Inoltre, Plick, al pari di un assegno tradizionale, consente di pagare anche importi elevati e prevede i presidi di sicurezza tecnologici del sistema bancario.

Il beneficiario può essere una persona fisica o un’azienda e non deve necessariamente avere il servizio di Plick attivo sul proprio conto. Inviato l’assegno digitale, il beneficiario riceverà un sms o mail con il link per incassare il pagamento. Chiunque può ricevere e incassare un Plick con esito immediato, 24/7 anche nei giorni festivi. Per utilizzare il nuovo servizio, basta accedere all’Internet Banking di IBL Banca sia da desktop che da mobile, tramite l’app IBL E-Bank, e selezionare la voce Plick per avviare il pagamento, scegliendo il beneficiario dalla propria rubrica. Plick permette di impostare un pagamento senza la possibilità di revoca, definendo anche una data futura di incasso.

Donato Vadruccio, ceo e fondatore di PayDo, ha spiegato: “IBL Banca rappresenta il partner ideale per la sua forte vocazione all’innovazione, per l’attenzione all’open banking e l’orientamento alla collaborazione con piattaforme fintech, nonché per la sua capacità di portare valore ai clienti. Con Plick siamo quindi orgogliosi di aver contribuito ad arricchire il nuovo conto ControCorrente di IBL Banca con una nuova funzionalità che rende le transazioni dei clienti ancora più semplici.  IBL Banca rappresenta, inoltre, un ulteriore e importante traguardo per PayDo, che vede consolidare la sua posizione nel mercato dei servizi a valore aggiunto per le banche e per i loro clienti e consente di proseguire nel suo percorso di innovazione”.

Simone Lancioni, responsabile marketing e advertising di IBL Banca, ha commentato: “Oggi la semplicità e l’istantaneità sono due fattori considerati di primaria importanza nella valutazione di un servizio. Con il nostro nuovo conto ControCorrente puntiamo ad offrire strumenti di pagamento digitali evoluti come Plick, che sta cambiando l’esperienza d’uso e le abitudini dei consumatori grazie anche alla possibilità di evitare passaggi complessi e procedure burocratiche. Abbiamo deciso di integrare Plick rendendo il servizio trasversale e disponibile per tutti i titolari di ControCorrente, a prescindere dal pacchetto scelto. Crediamo molto nelle sinergie con le fintech e a partnership con operatori specializzati in soluzioni tecnologiche all’avanguardia come PayDo”.

Ricordiamo che la banca nell’aprile 2021 ha concluso le acquisizioni di Banca Capasso Antonio e di Banca di Sconto e Conti Correnti, annunciate entrambe nel novembre 2020. Le operazioni sono state chiuse a valle del via libera della Bce. 







CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp