di:  

I livelli di felicità globale nel 2022

I livelli di felicità globale nel 2022

Cosa rende davvero felici le persone? Sebbene innumerevoli ricercatori accademici abbiano tentato di arrivare al nocciolo della questione, la verità è che si tratta di una domanda complicata a cui rispondere.

I livelli di felicità dipendono da una serie di fattori, tra cui la sicurezza finanziaria, la percezione del sostegno sociale, la sensazione di libertà personale e molto altro.

Quindi, esaminiamo i dati estratti dal World Happiness Report per scoprire i punteggi medi di felicità di 146 Paesi. Vedremo i punteggi medi dal 2019 al 2021, e metteremo in evidenza quali sono i Paesi più felici – o meno – e perché. Ma prima…

L’importanza del messaggio del Report

La vera misura del progresso è la felicità delle persone, che la felicità può essere misurata e che sappiamo molto sulle sue cause. Grazie a queste conoscenze, che il Report sopra citato ben evidenzia. E’ ora possibile per i responsabili politici fare della felicità delle persone l’obiettivo delle loro politiche. E ognuno di noi può vivere una vita più saggia.

Uno sguardo al passato

Negli ultimi dieci anni si è assistito a una trasformazione dell’interesse pubblico per la felicità. I responsabili politici di tutto il mondo la considerano sempre più un obiettivo importante e prioritario delle politiche pubbliche.

Con l’incoraggiamento dell’OCSE, quasi tutti i Paesi membri misurano ora annualmente la felicità dei loro cittadini. L’Unione Europea chiede ai suoi Paesi membri di porre il benessere al centro della progettazione delle politiche.

Mentre l’interesse per la felicità è cresciuto a dismisura nei dieci anni dei Rapporti sulla felicità nel mondo, la media globale delle valutazioni nazionali della vita è rimasta relativamente stabile. Questa stabilità media nasconde una grande varietà di esperienze nazionali e regionali.

Le valutazioni della vita sono aumentate di un punto o più in alcuni Paesi (guidati da tre Paesi balcanici, Romania, Bulgaria e Serbia) e sono diminuite di altrettanto o più in altri Paesi in grave difficoltà, con Venezuela, Afghanistan e Libano che hanno subito il calo maggiore.

In media, nella maggior parte dei Paesi si è registrata una moderata tendenza all’aumento a lungo termine dello stress, delle preoccupazioni e della tristezza e un leggero calo a lungo termine del piacere di vivere.

Felicità, benevolenza e fiducia durante la COVID-19 e oltre

I dati del 2021 confermano quanto emerso nel 2020, ovvero che le valutazioni medie della vita, che riflettono gli effetti netti della compensazione delle influenze negative e positive, sono rimaste straordinariamente stabili durante la COVID-19.

Per i giovani la soddisfazione della vita è diminuita, mentre per gli ultrasessantenni è aumentata, con poche variazioni complessive. Preoccupazione e stress sono aumentati dell’8% nel 2020 e del 4% nel 2021 rispetto ai livelli pre-pandemia.

In positivo, il cambiamento più rilevante osservato durante la COVID-19 è stato l’aumento globale della benevolenza nel 2021. Questa benevolenza ha fornito un notevole sostegno alle valutazioni di vita di chi dona, di chi riceve e di chi osserva, che sono stati gratificati nel vedere la disponibilità della loro comunità a tendere la mano per aiutarsi a vicenda nei momenti di bisogno.

In ogni regione globale si è registrato un forte aumento della percentuale di persone che fanno beneficenza, aiutano gli sconosciuti e svolgono attività di volontariato. Nel complesso, la media globale di queste tre misure è aumentata di un quarto nel 2021, rispetto a prima della pandemia.

La COVID-19 ha anche dimostrato l’importanza cruciale della fiducia per il benessere umano. I decessi causati dalla COVID-19 nel 2020 e nel 2021 sono stati nettamente inferiori nei Paesi con una maggiore fiducia nelle istituzioni pubbliche e dove le disuguaglianze sono minori.

Come si misura la felicità?

Prima di immergerci nella ricerca, parliamo brevemente di come vengono misurati i livelli di felicità in questo rapporto.

I numeri riportati rappresentano i dati di un sondaggio condotto su migliaia di intervistati per ogni Paese, ai quali è stato chiesto di valutare il proprio benessere soggettivo (punteggio di felicità) utilizzando la domanda della scala di vita di Cantril. Ulteriori informazioni sulla metodologia di questo rapporto e per le note tecniche sono disponibili a questo link.

Il rapporto effettua anche un’analisi di regressione per vedere come i punteggi di felicità potrebbero essere spiegati, esaminando i fattori tangibili e intangibili che potrebbero influire su:

  • Supporto sociale
  • Aspettativa di vita
  • Libertà di fare scelte di vita
  • Generosità
  • PIL pro capite
  • Percezione della corruzione
  • Effetti positivi e negativi

Come l’anno scorso, e come spiegato prima, il rapporto tiene conto in modo particolare dell’impatto che il COVID-19 ha avuto sugli aspetti della nostra vita quotidiana e sui livelli di felicità globale.

I livelli di felicità regionali

La felicità a livello mondiale si attesta su un punteggio medio di 5,6, in leggero miglioramento rispetto al rapporto dello scorso anno. Di seguito, analizziamo i livelli di felicità di ciascuna regione.

Nord America
Stato d’animo attuale: Felice (6,3)

Come l’anno scorso, il Canada è al primo posto come Paese più felice del Nord America. Tuttavia, ha perso un po’ di terreno nella classifica globale, posizionandosi al 15° posto quest’anno rispetto al 14° dell’anno precedente. Gli Stati Uniti, invece, sono saliti di tre posizioni nel rapporto di quest’anno e si sono classificati appena sotto il Canada con un punteggio di 6,97 (7,0 dopo gli arrotondamenti).

La Repubblica Dominicana si colloca all’ultimo posto nella regione. Sebbene la Repubblica Dominicana abbia registrato una crescita economica impressionante negli ultimi 25 anni, il Paese è stato duramente colpito dalla pandemia globale: nel 2020, circa 270.000 persone sono cadute in povertà e l’economia sta ancora lottando per raggiungere i livelli precedenti alla pandemia.

Sud America
Stato d’animo attuale: Contenuto (5,8)

L’Uruguay mantiene il primo posto come Paese più felice del Sud America. Continua a occupare i primi posti della classifica grazie all’elevato reddito pro capite, ai livelli relativamente bassi di povertà e alla forte classe media.

Sebbene l’Uruguay non sia stato immune dagli impatti della COVID-19, il Paese è riuscito a passare senza problemi all’apprendimento online ed è stato il primo della regione a riaprire le scuole.

Nel Rapporto Mondiale sulla Felicità dello scorso anno, la Colombia era il Paese più migliorato della regione. Quest’anno, invece, è scesa di 14 posizioni nella classifica globale, risultando il Paese meno migliorato nel rapporto di quest’anno.

Sebbene negli ultimi decenni la Colombia abbia fatto passi da gigante nell’eliminazione della povertà estrema, ha ancora uno dei livelli più alti di disuguaglianza di reddito in America Latina. Nel 2020, il 10% dei lavoratori ha portato a casa più del 50% del reddito nazionale.

Europa
Stato d’animo attuale: Felice (6,5)

La Finlandia non è solo il Paese più felice d’Europa, ma si aggiudica anche il primo posto come Paese più felice del mondo, per il quinto anno consecutivo. La Finlandia è uno dei cinque Paesi nordici a posizionarsi tra i primi 10. La Danimarca si colloca al secondo posto, seguita dall’Islanda al terzo.

La Romania è il Paese europeo che ha migliorato di più la propria situazione, salendo di 18 posizioni nella classifica globale rispetto al rapporto dell’anno scorso. Nell’ultimo decennio, il Paese ha registrato una delle crescite economiche più significative dell’Unione Europea ed è riuscito a riprendersi rapidamente dal crollo innescato dal COVID-19.

L’Ucraina si colloca all’ultimo posto, risultando il Paese più infelice d’Europa, e ovviamente non è una sorpresa. L’Ucraina ha vissuto continue sfide da quando la rivolta di Maidan ha raggiunto l’apice nel 2014. Di recente gli eventi nel Paese hanno preso una brutta piega, quando la Russia ha lanciato un’invasione su larga scala dell’Ucraina il 24 febbraio 2022. A seguito del conflitto, oltre 6 milioni di persone sono fuggite dal Paese.

Medio Oriente e Asia centrale
Stato d’animo attuale: È complicato (5,2)

Il Turkmenistan è il Paese più migliorato della regione, salendo di 19 posizioni nella classifica globale rispetto al rapporto dello scorso anno. Il miglioramento del Paese potrebbe essere spiegato dalla rapida crescita economica degli ultimi anni. Nel 2021, il PIL del Paese è cresciuto di circa il 6,3%.

Negli ultimi due anni, il Libano ha invece dovuto affrontare una serie di crisi. Nel 2020, la COVID-19 ha scatenato una crisi economica che è stata classificata come una delle 10 crisi economiche più gravi dalla metà del XIX secolo. Il 4 agosto 2020, una massiccia esplosione di nitrato di ammonio ha lasciato la capitale del Paese, Beirut, in macerie.

Asia orientale e Oceania
Umore attuale: Neutro (5,6)

Nel rapporto di quest’anno, la Cina ha scalato 12 posizioni nella classifica globale, diventando il Paese più migliorato dell’Asia orientale e dell’Oceania. Il governo cinese ha recentemente identificato la “prosperità comune” come una priorità assoluta, e ha apportato numerosi cambiamenti politici nel tentativo di combattere la disuguaglianza e sradicare la povertà.

La Thailandia, invece, è quella che è migliorata meno nella regione, probabilmente a causa del pesante tributo che la COVID-19 ha avuto sull’economia del Paese. Nel 2020, la crescita economica della Thailandia si è ridotta del 6,1%, la peggiore contrazione del Paese dalla crisi finanziaria asiatica del 1997. Si prevede che l’economia tailandese non tornerà ai livelli precedenti alla pandemia prima del 2023.

Africa
Stato d’animo attuale: Infelice (4,5)

Con un punteggio regionale di 4,5, l’Africa si classifica come la regione più infelice al mondo. Lo Zimbabwe rimane il Paese più infelice della regione, poiché continua a lottare con alti livelli di povertà. Nel 2021, circa 6,1 milioni di persone vivevano al di sotto della soglia di povertà internazionale.

Mauritius rimane il Paese più felice della regione, probabilmente grazie ai suoi livelli di reddito relativamente elevati. Vale la pena notare che Mauritius è diventato un Paese ad alto reddito nel luglio 2020, ma è scivolato indietro allo status di Paese a reddito medio-alto nel 2021 a causa della pandemia globale.

Conclusione

Siamo al terzo anno di gestione della pandemia COVID-19 ed è chiaro che i Paesi di tutto il mondo stanno ancora scontando il devastante impatto sanitario, sociale ed economico della pandemia. Non è chiaro quando la situazione tornerà completamente alla normalità, se mai lo sarà. Ma il lato positivo è che i Paesi stanno lentamente mostrando segni di ripresa.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto