di:  

Il declino dell'investimento a lungo termine

Il declino dell’investimento a lungo termine

“Il nostro periodo di investimento preferito è per sempre”.

Queste sono parole del famoso investitore Warren Buffett, un sostenitore dell’approccio buy and hold agli investimenti. Il buy and hold è una strategia a lungo termine in cui le azioni vengono accumulate gradualmente nel tempo, indipendentemente dalla performance a breve termine.




E mentre Buffett è senza dubbio un investitore di successo, i dati del NYSE suggeriscono che pochi stanno effettivamente seguendo i suoi consigli. A giugno 2020, il periodo medio di detenzione delle azioni è stato di soli 5,5 mesi. Questo è un enorme calo rispetto al picco della fine degli anni ’50 di 8 anni.

La durata del tempo in cui gli investitori tengono le azioni si sta riducendo da decenni, ma la tendenza si è accelerata l’anno scorso, nei mercati volatili che hanno reso le persone nervose di sedersi sugli investimenti per troppo tempo.

L’Europa mostra una tendenza simile, con periodi di detenzione che si riducono a meno di 5 mesi, dai 7 mesi dello scorso dicembre 2020.

Cosa sta guidando questo cambiamento?

Il declino dei periodi di detenzione sembra essere stato causato da una serie di fattori, il più importante dei quali è il progresso tecnologico.

Per esempio, nel 1966, il NYSE è passato a un sistema di trading completamente automatizzato. Questo aumentò notevolmente il numero di transazioni che potevano essere processate ogni giorno, e abbassò il costo delle transazioni stesse.

Gli scambi automatizzati hanno portato all’introduzione del trading ad alta frequenza (HFT), che utilizza algoritmi informatici per analizzare i mercati ed eseguire le transazioni in pochi secondi.

L’HFT rappresenta il 50% del volume di trading nei mercati azionari statunitensi, il che lo rende un contributo significativo al declino dei periodi di detenzione.

Anche la tecnologia ha permesso agli investitori di diventare più attivi. Grazie ad Internet e agli smartphone, le nuove informazioni sono ampiamente distribuite e di facile accesso. Con le piattaforme di trading online, gli investitori hanno anche la possibilità di agire immediatamente su queste informazioni.

Anche i social media stanno giocando un ruolo. La recente saga di r/wallstreetbets è un esempio di come il mercato azionario possa diventare sensazionale e guidato dalle mode. Dopo tutto, l’investimento a lungo termine ha molto meno da offrire in termini di eccitazione (anche se è molto più sicuro, nda).

E i tassi di interesse allo 0%, i trilioni di dollari di stimoli della banca centrale e del governo e gli alti livelli di incertezza causati dalla pandemia hanno aggiunto ulteriore slancio alla cosa.

Longevità aziendale in declino

La questione ha implicazioni per la spesa per la ricerca sugli investimenti, che viene spesso utilizzata per definire le strategie di investimento a lungo termine, così come per gli investitori pensionistici e assicurativi a lungo termine.

I giocatori a breve termine che comprano e vendono allo stesso tempo possono estinguere la liquidità del mercato, aumentando la volatilità.

In termini di impatto nel mondo reale, è uno scarso incentivo per la pianificazione aziendale a lungo termine, perché ciò che alla fine guida la performance dei prezzi delle azioni sono gli utili, e bisogna tenere i buoni investimenti per un po’ di tempo per vedere le aziende eseguire le loro decisioni commerciali.

Infine, anche le aziende stesse stanno mostrando una durata di vita più breve. Questo si traduce in un maggiore turnover degli indici (aziende che vengono aggiunte o rimosse dagli indici azionari), ed è probabilmente un fattore che contribuisce al declino dei periodi di detenzione.

Nel 1970, le aziende incluse nell’S&P 500 avevano una durata media di 35 anni. Nel 2018, la durata media era scesa a 20 anni, ed entro il 2030 si prevede che scenderà sotto i 15 anni.

Complessivamente, queste tendenze possono creare un maggiore incentivo a perseguire risultati a breve termine.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da STOP SECRET SRL, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto