di:  

Misurare l'inflazione: l'indice armonizzato dei prezzi al consumo

Misurare l’inflazione: l’indice armonizzato dei prezzi al consumo

Questo indice è stato sviluppato per assicurare una misura dell’inflazione uniforme a livello europeo. L’indice è calcolato in relazione ad un paniere di beni e servizi costruito tenendo conto sia delle particolarità di ogni paese sia di regole comuni per la ponderazione dei beni che compongono tale paniere.

La BCE e l’inflazione

Il compito principale della BCE è quello di mantenere la stabilità dei prezzi. Il Consiglio direttivo della BCE ritiene che la stabilità dei prezzi sia meglio mantenuta puntando al 2% nel medio termine.

Nell’area dell’euro, per misurare l’inflazione dei prezzi al consumo si utilizza l’Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo (IAPC). Si tratta della variazione nel tempo dei prezzi dei beni di consumo e dei servizi acquistati dalle famiglie dell’area dell’euro.

È “armonizzato” perché tutti i Paesi dell’Unione Europea seguono la stessa metodologia. Ciò garantisce che i dati di un Paese possano essere confrontati con quelli di un altro.

L’IAPC è compilato da Eurostat e dagli istituti nazionali di statistica secondo metodi statistici armonizzati. Il tasso di inflazione viene utilizzato anche per valutare se un Paese è pronto ad entrare nell’area dell’euro. L’IAPC mira a essere rappresentativo dell’andamento dei prezzi di tutti i beni e servizi acquistabili dai consumatori nell’area dell’euro.

Misura la variazione media nel tempo dei prezzi pagati dai cittadini per uno specifico paniere di beni e servizi di consumo, aggiornato regolarmente.

Qualche dato utile sull’inflazione

Al momento in cui scriviamo (fine dicembre 2022), l’inflazione IAPC nell’area dell’euro è scesa al 10,1% nel novembre 2022 rispetto al 10,6% dell’ottobre 2022. L’inflazione più bassa di tutte le nazioni dell’area euro si trova in Spagna, al 6.7%; quella più alta in Lettonia, al 21,7%.

A livello settoriale, l’IAPC più bassa si riscontra nel settore delle comunicazioni, dove è addirittura negativa (-1%), mentre in quello energetico (ovviamente, dato il momento storico…) abbiamo l’inflazione più elevata, al 20,6%.

Quali beni e servizi sono coperti?

Fondamentalmente, tutti i beni e servizi di consumo acquistati attraverso transazioni monetarie rientrano nell’ambito di applicazione dell’IAPC. Il nome tecnico di queste spese è “spesa per consumi finali monetari delle famiglie“. Sono compresi beni di uso quotidiano come alimentari, giornali e benzina, beni durevoli come computer e lavatrici, e servizi come parrucchieri, assicurazioni e abitazioni in affitto.

In seguito alla revisione della strategia per il 2021, è stata raccomandata anche l’inclusione dei costi della casa di proprietà nell’Indice armonizzato dei prezzi al consumo, per riflettere meglio l’esperienza dei cittadini in merito all’aumento dei prezzi.

L’attuazione di questa raccomandazione richiederà del tempo.  Ciò potrebbe aprire la strada al passaggio a uno IAPC che includa i costi delle abitazioni occupate dai proprietari come indice principale da utilizzare per la politica monetaria.

Solo le transazioni monetarie effettuate direttamente dalle famiglie sono incluse nell’IPCA. Questo è importante da ricordare quando si analizzano alcune categorie di spesa, come l’assistenza sanitaria e l’istruzione, in cui la fornitura da parte dello Stato è comune. Ad esempio, se uno studente paga una retta fissa all’università, solo l’importo della retta è incluso nel paniere dei consumi dell’IPCA, anche se il costo totale dell’istruzione è molto più alto. Allo stesso modo, non sono inclusi i beni e i servizi prodotti dalle famiglie per il proprio consumo (come gli ortaggi coltivati in casa, per esempio).

Quali tipi di famiglie sono coperti?

L’IAPC copre la spesa di tutte le famiglie all’interno del territorio economico di un Paese. Ciò include la spesa delle famiglie residenti e non residenti in quel territorio.

A differenza di alcuni indici nazionali dei prezzi al consumo, sono incluse tutte le tipologie di famiglie (comprese tutte le classi di reddito e i turisti stranieri) e tutte le aree geografiche.

L’IAPC e gli indici del costo della vita

Nella letteratura sugli indici dei prezzi al consumo, due tipi di indici hanno un ruolo di primo piano. Gli indici di prezzo a paniere fisso, ovvero gli “indici di Laspeyres“, definiscono un paniere di beni e servizi nel periodo base che viene prezzato in ogni periodo successivo. Questi beni e servizi sono ponderati in base alla loro quota nel consumo complessivo in un determinato periodo base.

Al contrario, negli indici del costo della vita è l'”utilità del consumatore” ottenuta dagli acquisti nel periodo base a essere mantenuta costante. L’indice del costo della vita misura quindi la variazione della spesa necessaria per mantenere l’utilità del periodo base.

Concettualmente, l’IAPC è un indice dei prezzi di tipo Laspeyres, piuttosto che un indice del costo della vita. Ma l’IAPC non è un indice a paniere fisso. Misura l’andamento dei prezzi nel tempo per categorie di prodotti fisse secondo la classificazione europea dei consumi individuali per finalità (ECOICOP). Sebbene queste categorie siano fisse, i prodotti specifici che sono inclusi in determinate categorie possono cambiare nel tempo. In altre parole, alcuni articoli possono essere rimossi dal paniere e altri possono essere aggiunti man mano che diventano rilevanti per la spesa per i consumi delle famiglie.

Allo stesso modo, e a differenza di un indice dei prezzi a paniere fisso, le ponderazioni degli IAPC vengono aggiornate ogni anno per riflettere, nella misura del possibile, le ultime variazioni nei modelli di spesa.

In ogni caso, le differenze concettuali tra i due tipi di indice dei prezzi non comportano generalmente differenze sostanziali nella pratica.

Qualità dell’IAPC

L’IAPC è supportato da una serie di norme giuridicamente vincolanti che coprono gli aspetti essenziali dell’indice. Eurostat ha un programma di visite di controllo della conformità, durante le quali vengono esaminate le pratiche di compilazione dei singoli istituti statistici nazionali.

L’IAPC è stato sviluppato secondo gli standard internazionali, e beneficia dell’esperienza di tutti gli Stati membri dell’UE nelle statistiche dei prezzi al consumo. È la migliore misura dell’inflazione nell’area dell’euro, e ben si presta a valutare il mantenimento della stabilità dei prezzi. Tuttavia, non è perfetto. Sono in corso ulteriori lavori per migliorare la qualità e la comparabilità dell’indice. Le priorità principali per i prossimi anni sono l’integrazione degli indici di prezzo delle abitazioni occupate dai proprietari nell’IAPC e una maggiore armonizzazione dei metodi di aggiustamento della qualità e di campionamento.

Un’altra importante area di lavoro per Eurostat e gli Istituti nazionali di statistica è l’utilizzo di nuove fonti di dati (come gli scanner dei supermercati, le transazioni e il web scraping).

Paniere di beni e servizi per calcolare l’inflazione

In pratica, non è possibile raccogliere i prezzi per tutti i milioni di beni e servizi diversi disponibili nell’area dell’euro. Si ricorre al campionamento per ricavare un paniere rappresentativo di beni e servizi da prezzare ogni mese.

Gli istituti nazionali di statistica sono responsabili della definizione del paniere preciso, selezionando le voci più rappresentative per ogni categoria di prodotto. Pertanto, ogni IAPC nazionale comprenderà il pane e le automobili, ma il tipo di pane e la marca e il modello di auto possono variare da un Paese all’altro, riflettendo le abitudini di consumo nazionali.

Al giorno d’oggi i prezzi possono anche essere ottenuti direttamente dai dettaglianti utilizzando gli scanner dei supermercati. Tuttavia, in questi casi il processo di ottenimento di indici di prezzo validi e rappresentativi può essere impegnativo.

Aggiornamento del paniere dell’inflazione

Il paniere dell’IAPC è aggiornato su base annuale per includere nuovi prodotti che sono diventati una parte importante della spesa per i consumi delle famiglie (come i servizi di streaming di musica e video), mentre altri prodotti non più rappresentativi (come le videocassette) sono eliminati.

Inoltre, nel corso dell’anno, i vecchi modelli di alcuni prodotti sono sostituiti con altri più recenti. Ciò avviene, ad esempio, quando le vendite del vecchio modello sono così basse che il suo prezzo scende drasticamente.

Pesi dei prodotti

L’IAPC per ciascun Paese dell’area dell’euro è calcolato come media ponderata delle variazioni di prezzo per un’ampia gamma di gruppi di prodotti, utilizzando la quota rispettiva di ciascun gruppo nella spesa totale di tutte le famiglie per i beni e i servizi coperti dall’indice.

Le informazioni utilizzate per calcolare la ponderazione di ciascun gruppo di prodotti sono raccolte principalmente dalla contabilità nazionale, e sono incrociate e aggiornate con informazioni provenienti da altre fonti (ad esempio, statistiche sul gettito IVA e indagini sui bilanci delle famiglie). Le ponderazioni dei gruppi di prodotti sono rappresentative della spesa totale per consumi delle famiglie a livello nazionale. In quanto tali, per ogni paese colgono le abitudini di consumo nazionali, che possono dipendere dal clima, dalle imposte sui prodotti, dagli stili di vita, dalle tradizioni culturali e da altri fattori (ad esempio, la disponibilità dei prodotti).

L’IAPC prende in considerazione la spesa per i consumi di tutte le famiglie di un Paese, e non di una famiglia “tipo”. Ad esempio, la spesa per la benzina è inclusa per le famiglie che possiedono un’automobile e, allo stesso tempo, la spesa per i biglietti dell’autobus è inclusa per quelle che utilizzano i trasporti pubblici. Ciò che è importante nell’IAPC è la sua composizione, che comprende la spesa totale per i consumi di tutte le famiglie.

Per mantenere l’indice aggiornato, le ponderazioni dei prodotti sono aggiornate regolarmente per riflettere i cambiamenti nei modelli di spesa dei consumatori. Per legge, le ponderazioni sono aggiornate ogni anno.

Regolazione stagionale

Molti prezzi presentano un andamento stagionale. Ad esempio, i saldi di fine stagione spesso causano un calo sistematico dell’IAPC in primavera e in estate. Per estrarre le “notizie” da queste variazioni stagionali, e quindi aiutare l’analisi dell’inflazione a breve termine, la BCE compila dati destagionalizzati per le principali componenti dell’IPCA. Questi dati sono pubblicati sul sito web della BCE lo stesso giorno in cui Eurostat pubblica i dati HICP regolari.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

    La tua email *

    Numero di cellulare

    Nome *

    Cognome *

    Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto

    *

    Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto