Come è riuscito il digitale a vincere le sfide del cambiamento? L’esperienza di Synergy Key

L’emergenza COVID è stato uno spartiacque che ha imposto a tutte le aziende una profonda revisione e un ampio ripensamento della propria organizzazione e delle proprie procedure.




In poche settimane il mondo è cambiato e si è fortemente orientato al digitale, imposto anche dalla necessità di lavorare in smart work.

In alcuni casi ci si è limitati a riprodurre su un supporto digitale quanto facevamo prima con strumenti tradizionali. In altri casi si è colta l’occasione di questo forzato cambiamento di paradigma per ripensare in modo innovativo le proprie attività, rimodulandole su dei differenti criteri; in modo da cogliere le grandi opportunità che ci danno le nuove soluzioni digitali.

Synergy Key è un’azienda che ha come missione aziendale quella di supportare a 360° i propri clienti nella gestione e del recupero del credito, nelle informazioni commerciali, nel monitoraggio delle procedure concorsuali e fallimentari per la valorizzazione fiscale della quota IVA.

Da sempre  gli strumenti informatici sono per Synergy Key una priorità strategica per lo sviluppo. Anticipando le future evoluzioni dei fabbisogni del mercato, abbiamo ingegnerizzato e messo a punto delle soluzioni innovative, pensate per rispondere alle nuove esigenze di collaborazione a distanza di tutta la filiera e alle urgenti esigenze di liquidità causate dell’emergenza COVID.

Un esempio: in questi mesi abbiamo potenziato le funzionalità di EVO, il portale da noi progettato e costruito per consentire la gestione integrata di tutte attività inerenti al credito. Ora chi riceve un sollecito può entrare in un’area riservata e protetta, verificare l’estratto conto della propria posizione debitoria e visionare i documenti che compongono il proprio debito.

Il debitore può inoltre comunicare con noi per eventuali domande.

Poi, chiariti tutti i dubbi, può saldare il proprio debito on line direttamente da casa, evitando di doversi spostare per andare in Banca oppure in Posta e riducendo il rischio di pericolosi assembramenti.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

INTERVISTE, VIDEO,
APPROFONDIMENTI