il magazine dedicato al mondo del credito

di:  

Cairn Capital, controllata da Mediobanca, prepara la fusione con il servicer britannico Bybrook Capital

Mediobanca sarà azionista di maggioranza con una quota del 64% circa, mentre il restante 36% sarà in mano agli ex azionisti di Bybrook e agli attuali azionisti di minoranza di Cairn Capital

Cairn Capital Group Ltd, con il supporto dell’azionista di maggioranza Mediobanca, ha raggiunto a inizio febbraio 2021 un accordo di partnership strategica sulla base del quale Cairn Capital acquisirà e si fonderà con Bybrook Capital LLP, gestore specializzato in crediti in sofferenza con sede a Londra. La società, fondata nel 2014 dall’ex partner di Eton Park, Robert Dafforn, con il sostegno di Blackstone, gestisce una strategia di credito deteriorato absolute return, investendo sia long che short in situazioni deteriorate e speciali, e gestisce circa 2,5 miliardi di dollari attraverso veicoli e co-investimenti total return e long only.




La fusione di Cairn Capital con Bybrook risponde all’ambizione di creare un operatore leader nella gestione del credito alternativo con circa 8 miliardi di dollari in asset in gestione attraverso opportunità di investimento pubbliche, private, deteriorate e in bonis, e mettendo a fattor comune un franchise di prestiti a leva e di credito alternativo di altissimo livello con un business di prim’ordine nella gestione dei crediti deteriorati e delle situazioni speciali. I partner di Bybrook manterranno il focus nella gestione delle loro strategie, rimanendo al contempo investitori strategici nei loro fondi a fianco degli altri investitori. Il loro ruolo di azionisti strategici di minoranza dimostra la loro fiducia nel futuro di Cairn Capital. Nell’ambito di questa operazione, Mediobanca rimane azionista di maggioranza con una quota del 64% circa, mentre il restante 36% sarà detenuto dagli ex azionisti di Bybrook e dagli attuali azionisti di minoranza di Cairn Capital. La transazione è soggetta alle consuete condizioni, compresa l’approvazione da parte delle autorità di regolamentazione competenti, e si prevede che sarà perfezionata nel secondo trimestre 2021.

Alberto Nagel, amministratore delegato di Mediobanca, ha dichiarato: “Negli ultimi cinque anni abbiamo supportato la crescita di Cairn Capital e oggi, con l’ingresso di Bybrook, ne accresceremo l’interesse da parte degli investitori, valorizzeremo il business con nuove competenze e realizzeremo sinergie positive posizionando la nuova entità nel segmento a più alta marginalità. Nell’ambito della sua strategia complessiva, Mediobanca è fortemente impegnata a sviluppare la divisione Wealth Management, sia sul fronte della distribuzione che del risparmio gestito, in modo organico così come attraverso acquisizioni. Con le acquisizioni di Cairn Capital nel 2015, RAM Active Investments nel 2017 e Bybrook oggi, Mediobanca continua il processo di rafforzamento della piattaforma di Alternative Asset Management che oggi gestisce circa 10 miliardi di dollari di masse, attraverso operatori specializzati, creando nuovo valore per i clienti del Gruppo e non solo.”  Nicholas Chalmers, CEO di Cairn Capital, ha commentato: “Siamo orgogliosi di unirci con un’azienda eccezionale e con una comprovata esperienza nel conseguimento di differenziati e solidi rendimenti assoluti per gli investitori istituzionali. Siamo fiduciosi che unendo le fondamentali capacità di ricerca sul credito con competenze complementari rafforzeremo il processo di investimento così come la nostra capacità di perseguire ritorni eccezionali durante l’intero ciclo.” Robert Dafforn, CIO di Bybrook, ha concluso: “I partner di Bybrook sono estremamente lieti di unire le forze con Cairn Capital. Essendo uno dei franchise CLO leader in Europa da molti anni, Cairn Capital fornisce a Bybrook una copertura ancora più ampia nell’attività di ricerca, in grado di guidare forti rendimenti all’interno delle situazioni deteriorate e speciali negli anni a venire. Siamo entusiasti di poter fornire ai clienti soluzioni complete per i mercati del credito attraverso una piattaforma potenziata e ampliata”.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp