di:  

Credito, dall’Ue le best practices a sostegno di famiglie e imprese

La Commissione europea ha diffuso delle linee guida a favore di famiglie e imprese gravemente colpite dalla crisi economica post covid19

La pandemia da covid19 sta pesando gravemente sulle tasche di migliaia di famiglie e imprese che, in mancanza di lavoro e liquidità, non sono in grado di ottemperare agli impegni presi con le banche e gli altri operatori finanziari. Per questo motivo, nei mesi di maggio e giugno le principali associazioni del settore, tra cui Fenca, e i rappresentanti dei consumatori e delle imprese hanno avuto modo di confrontarsi più volte sulla questione. Il risultato di questi incontri è una serie di best practices annunciate di recente dal vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis. L’obiettivo è quello di sostenere le famiglie e le imprese in questo delicato periodo, cercando di attenuare il più possibile gli effetti della crisi economica post coronavirus.

Le best practices indicano dei comportamenti che banche e finanziarie sono invitate a mantenere per raggiungere gli obiettivi prefissati. In buona sostanza l’atteggiamento richiesto da Bruxelles è quello di venire incontro alle difficoltà economiche del cliente, dimostrando loro la massima flessibilità.  Nello specifico, gli operatori del settore finanziario sono chiamati ad offrire la possibilità a famiglie e imprese di differire il pagamento di mutui e prestiti per un periodo adeguato alla loro specifica situazione. Il differimento del pagamento va applicato ai crediti concessi prima della data in cui è stata enunciata la moratoria e copre il rimborso del capitale del prestito, degli interessi o di entrambi. Inoltre, per tutto il periodo del differimento, gli istituti di credito sono tenuti ad evitare di caricare qualsiasi forma di addebito nei confronti del debitore, indipendentemente da quanto stipulato nel contratto originale. Infine, le linee guida sottolineano l’importanza di fornire al cliente informazioni chiare e precise sulle condizioni di differimento, nonché procedure di attivazione rapide ed intuitive.

La Commissione europea sostiene inoltre l’erogazione di nuovi prestiti alle imprese, tuttavia a seguito di un’attenta valutazione e gestione del rischio da effettuare caso per caso. Anche le assicurazioni sono invitate ad agire nel bene dei consumatori, in particolare venendo incontro alla loro condizione economica e cercando di risolvere quanto prima eventuali controversie.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp