di:  

Credito, il mercato della supply chain finance cresce ancora

Secondo lo studio dell’Osservatorio Supply Chain del Politecnico di Milano, l’Italia è il secondo mercato in Europa per dimensioni dopo la Francia
Il mercato supply chain finance cresce ancora: è quanto emerso dal report annuale dell’Osservatorio Supply Chain della School of Management del Politecnico di Milano. Secondo i dati degli analisti, quello italiano è il secondo mercato per dimensioni in Europa, con 530 miliardi di euro di crediti commerciali oggetto di finanziamento a fine 2017 (a fronte dei 516 miliardi del 2016). Davanti soltanto la Francia, con 662 miliardi di euro. Dell’ammontare complessivo del montecrediti,  480 miliardi sono stati destinati ai clienti (l’81% del totale) e 50 miliardi alle imprese collegate (il 19%).
A dominare il mercato supply chain rimangono gli operatori tradizionali (banche, factor, fornitori di piattaforme), gli operatori logistici e i fondi d’investimento. Tra le soluzioni preferite si rilevano l’anticipo fatture (con 79 miliardi del totale) il factoring (58 miliardi) e il reverse factoring (4 miliardi). Tuttavia, sta crescendo anche il mercato del fintech, spinto soprattutto dalle piattaforme bancarie più evolute. Su questo versante, la soluzione più adottata è l’invoice auction, marketplace per l’anticipo delle fatture, che a fine 2017 valeva 0,04 miliardi ma che in un anno è cresciuto del 500%. Altra soluzione fintech in ascesa, sono le operazioni di cartolarizzazione dei crediti commerciali che a fine 2017 valevano 2,5 miliardi di euro. Le soluzioni più utilizzate dalle imprese invece sono il reverse factoring (adottato dal 55% delle aziende), il dynamic discounting (dal 22%), l’inventory financing (dal 13%) e il purchase order finance (dal 10%). Molto positive sono state le partnership all’interno della filiera, circa una trentina. In particolare, spiccano quelle fra i provider finanziari (banche, factor e assicurazioni) e i provider tecnologici (attori consolidati o startup), pari al 37,3% del totale.
Il mercato potenziale rimane ampio, ma il mercato servito comincia a mostrare segnali incoraggianti di adozione di soluzioni innovative, anche grazie all’importante spinta del fenomeno fintech” ha sottolineato Federico Caniato, direttore dell’Osservatorio Supply Chain Finance. “Un altro ottimo segnale è il moltiplicarsi delle collaborazioni all’interno della filiera, per ottimizzare la relazione fra compratori e fornitori, fra attori dell’ecosistema con diversi modelli di business, per sfruttare nuove opportunità, e con operatori fino a poco tempo fa estranei al settore, come le piattaforme di e-commerce o i provider logistici”.
Guarda l’intervista fatta da StopSecret Magazine a Federico Caniato durante Lease 2019







CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da STOP SECRET SRL, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto