di:  

CRIF investe nella fintech cinese Know Your Customer

L’obiettivo della collaborazione tra le due aziende è accelerare il processo di innovazione di banche e fintech

CRIF, società globale con sede a Bologna e specializzata in credit bureau e informazioni commerciali, soluzioni digitali avanzate per lo sviluppo del business e l’open banking, a fine agosto ha investito nel fornitore di soluzioni RegTech Know Your Customer, con cui ha siglato anche una partnership commerciale. A seguito dell’investimento, Paola Galassi, executive director dei servizi B2B di CRIF, è entrata a far parte del consiglio di amministrazione di Know Your Customer.




Con sede a Hong Kong e uffici a Singapore, in Cina, Irlanda e Regno Unito, la fintech fornisce soluzioni digitali per corporate KYC (Know Your Client) e automation per l’onboarding di clienti finali a istituzioni finanziarie di tutto il mondo. Fondata nel 2015, Know Your Customer consente ai dipartimenti di compliance di eseguire con efficienza tutti i necessari controlli KYC e AML sui clienti, centralizzando il processo di onboarding attraverso una piattaforma intuitiva e di facile utilizzo. Questa tecnologia accelera l’onboarding di un nuovo cliente da una media del settore di 26 giorni a 1 giorno, riducendo il lavoro manuale degli addetti alla compliance fino all’85%.

La partnership consentirà a Know Your Customer di sfruttare il vasto e consolidato network di clienti di CRIF composto da 10.500 istituti finanziari in oltre 40 paesi, in modo da accelerare significativamente la crescita in altri mercati globali. L’iniezione di capitale consentirà a Know Your Customer di ampliare la propria gamma di prodotti per rivolgersi a settori precedentemente non serviti e, al contempo, estendere lo sviluppo dell’Artificial Intelligence (AI) e dei componenti di automazione all’interno della sua piattaforma. Grazie all’accordo, CRIF amplierà la sua offerta di informazioni in ambito KYC tramite la piattaforma premium di Know Your Customer, per potenziare la digitalizzazione end-to-end dell’onboarding aziendale per il settore finance a livello globale. L’obiettivo della collaborazione tra le due aziende è accelerare il processo di innovazione di banche e fintech. La partnership offrirà anche una migliore digital experience per privati ​​e imprese su scala globale grazie all’utilizzo di un dataset più completo e costantemente aggiornato, che in ultimo semplificherà l’accesso al credito. L’operazione segue una significativa crescita commerciale per Know Your Customer, in particolare negli ultimi 18 mesi. Nello specifico, la base clienti dell’azienda comprende 18 giurisdizioni e 11 settori, tra cui banche Tier 1, provider di servizi aziendali e di carte di credito, fintech in rapida crescita e importanti istituti di credito asiatici ed europei.

Claus Christensen, ceo e co-fondatore di Know Your Customer, ha spiegato: “Questa nuova partnership e l’investimento ad esso connessa rappresentano un risultato straordinario e un punto di partenza essenziale per la prossima fase dell’espansione globale di Know Your Customer.”. Carlo Gherardi, ceo di CRIF, ha commentato: “La tecnologia di Know Your Customer rappresenta un’integrazione strategicamente importante al nostro portafoglio di prodotti, rafforzando la nostra posizione come centro di eccellenza per le soluzioni KYC aziendali in Asia e a livello globale”.

CRIF ha già investito in società fintech in precedenza. Lo scorso maggio ha annunciato un investimento nell’italiana Fido, fintech che ha creato la prima piattaforma europea su cui è possibile migliorare l’analisi dell’affidabilità dei consumatori grazie all’analisi di segnali digitali e al machine learning. Sempre a maggio CRIF ha investito nelle startup fintech/insurtech Fintastico, Bit&Coffee e Criptalia. Lo scorso gennaio infine la società emiliana aveva investito nella piattaforma di trade finance we.trade, con cui ha anche siglato un’alleanza strategica e ha chiuso un accordo con Banca AideXa, la nuova banca fintech dedicata alle piccole imprese e alle partite iva fondata da Roberto Nicastro e Federico Sforza.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp