di:  

Economia globale non particolarmente in forma

Economia globale non particolarmente in forma

Unità in tempo di crisi. Questo è il tema di fondo delle riunioni annuali per parlare di economia del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale di quest’anno.

La situazione attuale

La COVID-19 ha gettato altri 70 milioni di persone nella povertà estrema, dice la Banca Mondiale. La guerra in Ucraina ha minacciato le forniture energetiche e alimentari in tutto il mondo. L’inflazione non è ancora sotto controllo. E questo, per l’economia mondiale, è un problema.

Ognuno di questi eventi sarebbe sufficiente a mettere a dura prova l’economia mondiale. Se li mettiamo insieme, otteniamo alcune fosche previsioni sulla strada da percorrere.

Cosa dice il FMI sulla situazione globale dell’economia

I rischi per la stabilità finanziaria sono aumentati a causa dell’inflazione più alta degli ultimi decenni e delle ricadute della guerra russa in Ucraina sui mercati energetici europei e mondiali. In un contesto di scarsa liquidità dei mercati, c’è il rischio che un improvviso e disordinato inasprimento delle condizioni finanziarie possa interagire con le vulnerabilità preesistenti. Nei mercati emergenti, l’aumento dei tassi, la debolezza dei fondamentali e gli ingenti deflussi hanno fatto lievitare i costi dei prestiti, in particolare per l’economia delle nazioni “di frontiera”, con un aumento del rischio di ulteriori inadempienze. In Cina, la recessione immobiliare si è aggravata a causa del forte calo delle vendite di case, che ha esacerbato le pressioni sui costruttori, con un rischio maggiore di ricadute sul settore finanziario.

Le economie emergenti e in via di sviluppo hanno bisogno di ingenti finanziamenti per il clima per mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici. La finanza privata ha un ruolo chiave nel raggiungimento di questi obiettivi. Gli strumenti finanziari innovativi possono superare alcune delle sfide e contribuire ad ampliare la base degli investitori. Il coinvolgimento delle banche multilaterali di sviluppo è fondamentale per stimolare gli investimenti privati e fornire capacità di assorbimento dei rischi. Il FMI può svolgere un ruolo catalizzatore attraverso la consulenza politica, la sorveglianza e lo sviluppo delle capacità. Può farlo anche attraverso i finanziamenti del suo nuovo Fondo per la resilienza e la sostenibilità, che potrebbe contribuire ad affrontare le sfide strutturali a lungo termine derivanti dal cambiamento climatico.

Quali sono i contributi dei fondi di investimento aperti alla fragilità dei mercati degli asset? I fondi di investimento aperti svolgono un ruolo fondamentale nei mercati finanziari. Ma quelli che offrono rimborsi giornalieri e detengono attività illiquide possono amplificare gli effetti di shock avversi, aumentando la probabilità di fughe degli investitori e vendite di attività. Ciò contribuisce alla volatilità dei mercati degli attivi e minaccia potenzialmente la stabilità finanziaria. L’impatto di queste vulnerabilità potrebbe inoltre ripercuotersi sui mercati emergenti e portare a un inasprimento delle condizioni finanziarie. Per correggere la rotta, i responsabili politici dovrebbero assicurarsi che gli strumenti di gestione della liquidità siano disponibili, calibrati in modo appropriato e utilizzati dai fondi.

In definitiva, il FMI prevede che la crescita dell’economia globale rallenterà dal 6% nel 2021 al 3,2% nel 2022. Nel 2023, un ulteriore crollo al 2,7%. Secondo il Fondo, ad eccezione della crisi finanziaria del 2008 e dei mesi peggiori della pandemia, questa è la crescita più debole che il mondo abbia mai visto da decenni.

Cosa ha detto la Banca Mondiale

La COVID-19 ha segnato la fine di una fase di progressi globali nella riduzione della povertà. Nei tre decenni precedenti al suo arrivo, più di 1 miliardo di persone è sfuggito alla povertà estrema. I redditi delle nazioni più povere hanno guadagnato terreno.

Nel 2015, il tasso globale di povertà estrema era stato ridotto di oltre la metà. Da allora, la riduzione della povertà è rallentata di pari passo con la crescita economica globale, che si è ridotta. Gli sconvolgimenti economici provocati dalla COVID-19 e poi dalla guerra in Ucraina hanno prodotto una vera e propria inversione di tendenza. È diventato chiaro che l’obiettivo globale di porre fine alla povertà estrema entro il 2030 non sarebbe stato raggiunto. In base alle tendenze attuali, nel 2030 574 milioni di persone – quasi il 7% della popolazione mondiale – vivranno ancora con meno di 2,15 dollari al giorno. La maggior parte di loro in Africa.

Solo nel 2020, il numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà estrema è aumentato di oltre 70 milioni. Si tratta dell’aumento più consistente in un anno dall’inizio del monitoraggio della povertà globale nel 1990. Guardando alla povertà in senso più ampio, quasi la metà del mondo – oltre 3 miliardi di persone – vive con meno di 6,85 dollari al giorno. Questa cifra è la media delle soglie di povertà nazionali dei Paesi a reddito medio-alto. Utilizzando questa misura, la povertà persiste ben oltre l’Africa. La prevalenza e la persistenza della povertà oscurano le prospettive di miliardi di persone in tutto il mondo. 

Le forti misure di politica fiscale hanno fatto una notevole differenza nel ridurre l’impatto della COVID-19 sulla povertà. Infatti, il tasso medio di povertà nelle economie in via di sviluppo sarebbe stato più alto di 2,4 punti percentuali senza una risposta fiscale. Tuttavia, la spesa pubblica si è rivelata molto più utile per la riduzione della povertà nei Paesi più ricchi. Qui, in genere, si è riusciti a compensare completamente l’impatto della COVID-19 sulla povertà attraverso la politica fiscale e altre misure di sostegno di emergenza. Le economie in via di sviluppo avevano meno risorse e quindi hanno speso meno e ottenuto meno risultati. Le economie a reddito medio-alto hanno compensato solo il 50% dell’impatto sulla povertà; le economie a reddito medio-basso e basso hanno compensato appena un quarto dell’impatto.

In breve, la politica fiscale – usata con prudenza e tenendo conto delle condizioni iniziali del Paese in termini di spazio fiscale – offre ai responsabili politici delle economie in via di sviluppo l’opportunità di intensificare la lotta contro la povertà e la disuguaglianza.

Inflazione problema per l’economia

Si prevede, inoltre, che l’inflazione globale terminerà il 2022 all’8,8%, ma si spera che si stabilizzi intorno al 6,5 nel 2023. Non è comunque una bella notizia. Uno sforzo per combattere l’inflazione nei paesi sviluppati potrebbe scatenare una crisi del debito nei paesi in via di sviluppo. Perché?

Le economie di moltissimi paesi in via di sviluppo sono eccezionalmente legate al dollaro perché le loro valute sono tipicamente molto deboli, non affidabili e di poco valore. Per questo viene usato principalmente il dollaro americano (la valuta forte per eccellenza) per molte delle transazioni più importanti, compresa l’emissione di debito. Ciò significa che i titoli di stato emessi da un certo paese non sono in valuta locale, ma in dollari. Questo perché chi presta i soldi preferisce sapere di ricevere indietro dollari, così da non esporsi al rischio di fluttuazioni eccessive della valuta locale.

Ma le tasse di questi Paesi sono invece denominate in valuta locale (ovviamente). Quindi i governi per ripagare il debito espresso in dollari devono cambiare la loro valuta locale. Ma se i tassi di interesse aumentano, per una serie di meccanismi finanziari il dollaro tende ad aumentare di valore e quindi ci vorranno più soldi in valuta locale per restituire il valore del debito. Inoltre, al netto di queste concatenazioni di cause, l’aumento dei tassi di interesse rende già di per sé più oneroso ripagare un debito, ovunque.

L’ottimismo per una rapida ripresa economica dopo la pandemia è quindi svanito quasi del tutto, per i motivi sopra riportati. E poi c’è il problema, primario al momento, della guerra in Ucraina.

Infatti, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres teme che, senza un’attenuazione del conflitto e senza un aumento della produzione di fertilizzanti, nel 2023 il mondo non avrà cibo a sufficienza… e non siamo ancora arrivati al cambiamento climatico.

Bisogna fare qualcosa, ed in fretta

Le inondazioni catastrofiche in Pakistan hanno lasciato un terzo del Paese sott’acqua, e poi l’uragano Ian si è abbattuto sulla Florida, spazzando via intere comunità. Purtroppo, sembra che i disastri climatici in arrivo non subiscano rallentamenti. La COP27 è appena iniziata in Egitto; vediamo cosa ne uscirà (ne parleremo appena conclusa).

Il Fondo Monetario Internazionale prevede che accelerare la transizione verso l’energia verde porterà enormi benefici in termini di sicurezza energetica e di costi del cambiamento climatico, ma ciò richiederà un enorme sforzo globale e, soprattutto in considerazione dello stato economico attuale, non è chiaro se la nostra attuale leadership sia all’altezza del compito.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto