di:  

L'evoluzione del credito al consumo

L’evoluzione del credito al consumo

L’origine del credito risale alle civiltà antiche.

I Sumeri, e più tardi i Babilonesi, usavano entrambi prestiti al consumo nelle loro società, principalmente per scopi agricoli. Quest’ultima civiltà aveva persino delle regole sui tassi massimi di prestito incise nel famoso Codice di Hammurabi.




Ma, da allora, il credito al consumo – e il modo di calcolare la solvibilità – è diventato sempre più sofisticato. Così tanto che la tecnologia ora usata nel moderno credit scoring sembrerebbe completamente estranea a chi viveva solo qualche decennio fa.

Una breve storia del credito

Ciò che potrebbe essere iniziato come prestiti agricoli a Sumer e Babilonia alla fine è diventato più radicato nella società romana antica.

Nell’anno 50 a.C., per esempio, Cicerone documentò una transazione avvenuta, e scrisse “nomina facit, negotium conficit” – o, “usa il credito per completare l’acquisto“.

Lo stesso credito al consumo moderno è nato in Inghilterra nel 1803, quando un gruppo di sarti inglesi si riunì per scambiare informazioni sui clienti che non riuscivano a saldare i loro debiti.

Alla fine, cominciarono ad essere compilate ampie liste di credito dei clienti, con un vero e proprio boom dei prestiti nel 20° secolo, quando i consumatori cominciarono a comprare oggetti di maggior valore, come automobili ed elettrodomestici.

Più tardi, ci fu l’innovazione delle carte di credito, e negli anni ’80 fu introdotto il moderno credit scoring.

Il presente e il futuro del credito

Il moderno punteggio di credito numerico è nato nel 1989, e usa la regressione logistica per valutare cinque categorie relative all’affidabilità creditizia di un consumatore: la storia dei pagamenti, il peso del debito, la lunghezza della storia del credito, i tipi di credito usati e le nuove richieste di credito.

Tuttavia, nell’era attuale dei big data e delle tecnologie emergenti, le aziende stanno trovando nuovi modi per far progredire i modelli di credito – e come questi cambiamenti influiranno su come i consumatori otterranno il credito in futuro.

Tecnologia moderna

Il credito al consumo sta già cambiando grazie a nuovi metodi come i dati di tendenza e i dati alternativi. Entrambi guardano il quadro generale al di là del punteggio tradizionale, attingendo a nuove fonti di dati e utilizzando metodi predittivi per incapsulare più accuratamente l’affidabilità creditizia.

Tecnologia del futuro

In generale, il futuro del credito sarà modellato da cinque forze:

  • Crescente quantità di dati
  • Un panorama normativo che cambia
  • Tecnologie che cambiano il gioco
  • Focus sull’identità
  • Il boom delle fintech

Grazie a queste forze, i nuovi modelli di credito integreranno intelligenza artificiale, reti neurali, big data e metodi statistici più complessi. In breve, i modelli di credito possono essere previsti più accuratamente usando montagne di dati e nuove tecnologie.

Infine, il panorama del credito è destinato a cambiare anche in altri modi.

Le forze normative stanno spingendo i dati ad essere standardizzati e controllati direttamente dai consumatori, consentendo una serie di nuove applicazioni fintech a beneficio dei consumatori.

Nel frattempo, l’industria stessa si concentrerà sull’identità per costruire la fiducia e limitare le frodi, utilizzando tecnologie come la biometria e la blockchain per dimostrare l’identità di un mutuatario.

Come la tecnologia sta cambiando il paesaggio del credito moderno

Dagli inizi della General Motors Acceptance Corporation all’introduzione della carta di credito Diner’s Club, la storia del credito è stata piena di innovazioni che hanno cambiato il gioco.

Oggi, le nuove innovazioni tecnologiche continuano a plasmare l’industria del credito al consumo – e con il debito dei consumatori statunitensi (i maggiori consumatori del mondo) a 13 trilioni di dollari, questi cambiamenti potrebbero giocare un ruolo nell’influenzare il modo in cui i consumatori accedono al credito sia oggi che in futuro.

I punteggi di credito giocano una componente massiccia nella vita dei consumatori, e sono usati per valutare l’affidabilità creditizia per grandi acquisti che vanno dalle case al lancio di un business.

È interessante notare che il modo in cui questo punteggio funziona non è affatto statico – e nuove tecnologie vengono applicate per aumentare la precisione e aprire il credito a più consumatori in tutta la società.

Punteggio di credito tradizionale

Il moderno punteggio di credito numerico è emerso nel 1989, e utilizza la regressione logistica per prendere decisioni informate sull’affidabilità creditizia di un consumatore.

Le cinque distinte categorie del credito le abbiamo nominate poco fa. La loro rilevanza è la seguente.

Storia dei pagamenti 35% (I pagamenti programmati vengono effettuati in tempo?)
Onere del debito 30% (Include diversi fattori come il numero di conti con saldi, gli importi dovuti e il rapporto debito/limite.)
Lunghezza della storia di credito 15% (Età media dei conti e età del conto più vecchio.)
Tipi di credito usati 10% (Che tipo di credito viene usato? [cioè revolving, rate, ecc.])
Nuove richieste di credito 10% (Nuove richieste di credito difficili possono danneggiare il punteggio.)

Ma questo modello ha i suoi limiti. Per esempio, i punteggi di credito tradizionali danno un’istantanea del credito piuttosto che mostrare come il “quadro generale” del credito di una persona sta cambiando.

Inoltre, i punteggi attuali possono anche essere inibiti da una mancanza di dati, risultando in una rappresentazione imprecisa del credito di una persona.

La tecnologia al salvataggio

Su base globale, l’universo dei dati raddoppia ogni due anni – e questa nuova abbondante risorsa sta rivoluzionando il credito al consumo.

Tendenza dei dati. Invece di guardare un’istantanea di un punteggio di credito, è possibile analizzare la direzione, la velocità, i punti di svolta e la grandezza dei cambiamenti nella storia di credito di un consumatore per ottenere un quadro più grande e accurato. Questi sono chiamati dati di tendenza e possono offrire fino al 20% di miglioramento delle prestazioni predittive.

Dati alternativi. La storia del credito è importante, ma ci sono sempre più altre fonti di dati che possono fornire una visione dell’affidabilità creditizia di un consumatore. I dati alternativi attingono alle informazioni sulla proprietà, la ricchezza, il modo in cui i clienti pagano le bollette quotidiane e altre fonti di dati per fornire un quadro più completo.

Altra tecnologia. La tecnologia ha dato ai consumatori un accesso senza precedenti ai loro dati di credito – e nel frattempo, la nuova scienza dietro le reti neurali viene implementata per dare capacità di punteggio ancora più sofisticate.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da STOP SECRET SRL, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto