di:  

Gruppo IBL Banca: nel 2021 i nuovi flussi finanziati per cessione del quinto sfiorano il miliardo di euro

Il 77% del portafoglio clienti è composto da dipendenti pubblici, statali e pensionati, il 23% da privati e parastatali. Over 50 e con un fabbisogno di circa 22 mila euro è l’identikit tipo del richiedente la CQS.

Il Gruppo IBL Banca conferma la propria leadership nel settore dei finanziamenti con cessione del quinto dello stipendio e della pensione chiudendo il 2021 con nuovi flussi finanziati pari complessivamente a circa 930 milioni di euro, sfiorando la quota simbolica del miliardo di euro.

Più in particolare, i flussi finanziati da IBL Banca ammontano a oltre 730 milioni di euro e quelli finanziati da IBL Family a quasi 200 milioni di euro.

Dall’analisi del portafoglio clienti del gruppo bancario è possibile ricostruire uno spaccato del mercato della CQS in Italia, che negli ultimi anni ha registrato una costante espansione, coinvolgendo nuove fasce della popolazione.  

La prima evidenza che emerge è ancora la prevalenza, tra i richiedenti, degli uomini (64%) rispetto alle donne (36%), che riflette il divario presente nel mondo del lavoro.

A livello di settore di attività, il 77% del portafoglio clienti è composto da dipendenti pubblici (14%), statali (27%) e pensionati (36%), mentre il rimanente 23% è costituito da impiegati di società private e parastatali (ad es. Ferrovie dello Stato e Poste Italiane). Si conferma pertanto il trend di crescita del settore privato registrato nell’ultimo quinquennio. 

L’età media al momento della richiesta risulta essere di 56 anni, L’importo medio erogato è pari a circa 22.300 euro. 

Dal punto di vista della distribuzione geografica, in Italia si conferma una preferenza per la CQS nel Sud (42,2%) e Centro (29,2%) rispetto al Nord (28,6%), con il Lazio al primo posto tra le regioni per volume erogato (15,6%), seguito da Sicilia e Campania a pari merito (14,1%) e Lombardia al terzo posto (11,16%).  

Il dato sull’erogato rispecchia l’attività della capogruppo IBL Banca e della controllata IBL Family (partecipata al 70% dal Gruppo IBL Banca e al 30% da Tecnocasa Holding). Quest’ultima avrà un ulteriore impulso alla crescita nei prossimi mesi in seguito alla trasformazione in banca, per effetto della fusione per incorporazione in Banca di Sconto. La quota di mercato del Gruppo bancario IBL Banca in Italia è stimata oggi al 17%, con un obiettivo di crescita nel triennio al 20%.

“La cessione del quinto si conferma uno strumento importante per sostenere i progetti di spesa e di vita delle famiglie. Nel complesso il quadro che emerge dall’analisi del nostro portafoglio clienti è quello di una significativa evoluzione, con nuovi trend, come il sempre maggior peso del settore privato, che si affiancano a dinamiche tradizionali. Nel 2022 saremo presenti sul mercato anche con una nuova banca dedicata al settore grazie al prossimo perfezionamento della fusione per incorporazione di IBL Family in Banca di Sconto e punteremo ad essere un polo di aggregazione per selezionati operatori del comparto”, ha commentato Mario Giordano, Amministratore Delegato del Gruppo IBL Banca.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da STOP SECRET SRL, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto