di:  

Shrinkflation: quando vi fregano al supermercato

Shrinkflation: quando vi fregano al supermercato

È Il processo di riduzione delle dimensioni o della quantità di prodotto mentre il prezzo del prodotto rimane invariato o aumenta leggermente. In italiano viene tradotto (malissimo) con “sgrammatura” o “riporzionamento”, mentre sarebbe molto più corretto “disinflazione”.

Shrinkflation, questa sconosciuta…

“Andiamo a fare la spesa?”

“Sì dai, ci manca un po’ di roba…e poi domani sera abbiamo ospiti, volevo prendere qualcosa di particolare…”

Frasi così le diciamo centinaia di volte all’anno anche noi.

Il risultato, di solito, è andare nel proprio supermercato di fiducia, quello dove si è convinti (ahnoi) di comprare sempre bene, e scegliere quello che ci serve, salvo poi lamentarsi, mentre si va alla cassa, che la bottiglia della nostra bevanda gassata preferita ci sembra curiosamente più piccola (ma costa uguale, se non di più), e la stessa cosa è accaduta alla confezione dei pelati.

Un attimo: siamo noi che stiamo sbagliando, o c’è qualcosa che non quadra?

Se siete (correttamente) di quest’ultima idea, benvenuti (per modo di dire) nello “straordinario” mondo della shrinkflation, il processo di riduzione delle dimensioni o della quantità di prodotto mentre il prezzo del prodotto rimane invariato o aumenta leggermente. In pratica, una delle tante fregature a cui noi consumatori, ultimo anello della catena, siamo sottoposti, molto spesso senza rendercene conto.

Che cos’è la shrinkflation?

In economia, la shrinkflation è la pratica di ridurre le dimensioni o la quantità di un prodotto mentre il prezzo del prodotto rimane lo stesso o aumenta leggermente. In alcuni casi, il termine può indicare la riduzione della qualità di un prodotto o dei suoi ingredienti mentre il prezzo rimane invariato.

All’economista americana Pippa Malmgren viene generalmente attribuita l’invenzione del termine nel 2009. Il fenomeno è diventato piuttosto comune nell’industria alimentare e delle bevande.

Analisi della shrinkflation

In sostanza, la shrinkflation è una forma di inflazione nascosta. Invece di aumentare il prezzo di un prodotto, cosa che sarebbe immediatamente evidente ai consumatori, i produttori riducono le dimensioni del prodotto mantenendo lo stesso prezzo. Il prezzo assoluto del prodotto non aumenta, ma aumenta il prezzo per unità di peso o di volume. La piccola riduzione della quantità di solito non viene notata dai consumatori (almeno così spera il produttore).

La shrinkflation è ampiamente utilizzata dai produttori dell’industria alimentare e delle bevande. È diventata una tattica comune per aiutare i produttori ad affrontare i problemi di inflazione dei fornitori. Molte aziende hanno stabilito che i loro clienti si sarebbero opposti e forse avrebbero iniziato a cercare prodotti sostitutivi se si fossero trovati di fronte all’ennesimo aumento dei prezzi. La soluzione? – La shrinkflation.

Si noti che la shrinkflation non può essere considerata una frode o una falsa rappresentazione dei prodotti. I produttori indicano sempre il peso, il volume o la quantità dei loro prodotti sulle etichette delle confezioni. Non è illegale, è solo subdola.

Quali sono le cause della disinflazione?

  • Aumento dei costi di produzione. L’aumento dei costi di produzione è generalmente la causa principale delle differenze inventariali. L’aumento del costo degli ingredienti o delle materie prime, delle materie prime energetiche e della manodopera aumenta i costi di produzione, e di conseguenza riduce i margini di profitto dei produttori. Ridurre il peso, il volume o la quantità dei prodotti, mantenendo lo stesso prezzo al dettaglio, può migliorare il margine di profitto del produttore. Allo stesso tempo, il consumatore medio non noterà una piccola riduzione della quantità. Pertanto, il volume delle vendite non ne risentirà.
  • Intensa concorrenza sul mercato. Anche la forte concorrenza sul mercato può causare una contrazione delle vendite. L’industria alimentare e delle bevande è generalmente estremamente competitiva, in quanto i consumatori sono in grado di accedere a una varietà di prodotti sostitutivi. Pertanto, i produttori cercano opzioni che permettano loro di mantenere il favore dei clienti e, allo stesso tempo, di conservare i margini di profitto.

Esempi

Anche alcune delle aziende e dei marchi più famosi hanno adottato la disinflazione per i loro prodotti; tra questi Coca-Cola, che nel 2014 ha ridotto le dimensioni della sua bottiglia grande da 2 litri a 1,75 litri, oppure la Kraft, che nel 2010 ha ridotto il peso delle barrette di cioccolato Toblerone da 200 a 170 grammi, od ancora la Tetley, famosa produttrice di tè, che nel 2010 ha ridotto il numero di bustine di tè vendute in una confezione da 100 a 88.

Considerazione finali

Oggi la shrinkflation è una pratica comune tra i produttori. Il numero di prodotti che subiscono un ridimensionamento aumenta ogni anno. I grandi produttori dei mercati europei e nordamericani si affidano a questa strategia per mantenere i prezzi competitivi dei loro prodotti senza ridurre significativamente i loro profitti.

Allo stesso tempo, la shrinkflation può spesso portare alla frustrazione dei clienti e al deterioramento del sentimento dei consumatori nei confronti del marchio del produttore. Alla fine, i consumatori si accorgono di ciò che sta accadendo. Le scatole di cereali che hanno le stesse dimensioni di prima, ma sembrano piene solo per metà, sono “quasi diventate” una sorta di scherzo condiviso tra aziende e consumatori.

C’è un rimedio a questo processo deteriore? No, salvo quello di cambiare marca per stesso tipo di prodotto… fino a quando anche quest’ultima non farà la stessa cosa.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto