di:  

Tassi in aumento: perché le azioni value hanno sovraperformato?

Tassi in aumento: perché le azioni value hanno sovraperformato?

Mentre gli investitori si muovono, nelle ultime settimane, verso più sicurezza (vista l’inflazione che sale e la guerra, a pandemia non ancora finita), i titoli value hanno superato i titoli growth dall’inizio dell’anno, in mezzo alle turbolenze economiche e all’aumento dei tassi d’interesse.

Grazie ai loro solidi fondamentali e ai flussi di cassa, le azioni value potrebbero presto tornare in auge per un lungo periodo.

Nei paragrafi che seguono, illustriamo perché i titoli value offrono opportunità nei periodi di rialzo dei tassi.

Performance recenti

Nel giro di due anni, la guerra in Ucraina, gli shock della catena di approvvigionamento, e il COVID-19 hanno portato l’inflazione ai massimi pluridecennali.

In mezzo a queste complesse lotte, i titoli value hanno sovraperformato in modo significativo.

Indice Russell 1000 Value: -1.1%

Indice Russell 1000 Growth: -14.1%

S&P 500: -8,4%

(Al 14 aprile 2022)

Con l’aumento dell’inflazione previsto per il medio termine, le azioni value potrebbero tornare in auge.

Mentre gli investitori cercano di de-rischiare i loro portafogli, molti si stanno rivolgendo ai titoli value, grazie in parte alla loro sovraperformance storica durante i periodi di inflazione e di aumento dei tassi.

Valore vs. Crescita: Caratteristiche chiave

Come rapido aggiornamento, ecco le distinzioni chiave tra azioni value e azioni growth.

Caratteristiche che definiscono le due categorie

Valore: Aziende con forti flussi di cassa, reddito costante, prezzo inferiore al valore intrinseco.

Crescita: Aziende con flussi di cassa inferiori, basso (se non nullo) reddito, forte potenziale di crescita degli utili.

Valutazione

Valore: Sottovalutato (rapporti P/E bassi)

Crescita: Sopravvalutato (alti rapporti P/E)

Dividendi

Valore: Più comune

Crescita: Meno comune

Volatilità

Valore: Più bassa

Crescita: Più alta

Settori

Valore: Finanziari, Energia, Sanità, Industriali

Crescita: Tech, Comunicazioni, Beni di consumo discrezionali

I settori ciclici come i finanziari e l’energia spesso beneficiano quando i prezzi aumentano dopo una contrazione economica.

Poiché le aziende guadagnano denaro in modi diversi, è spesso utile confrontare i rapporti prezzo/utili (P/E) all’interno di un settore. Un rapporto P/E è una metrica per valutare una società, dove il prezzo delle azioni di una società è diviso per i suoi guadagni per azione.

Un’azienda sopravvalutata nel settore tecnologico può avere un rapporto P/E di 100, mentre la media del settore S&P è di 24. Al contrario, un’azienda sanitaria sottovalutata può avere un rapporto P/E di 14, inferiore alla media del settore S&P di 16.

Quando un’azienda è sottovalutata significa che è scambiata al di sotto del suo valore intrinseco.

Valore contro crescita: performance

Guardando indietro, il decennio precedente ha visto la peggiore performance del valore negli ultimi 90 anni.

In media, la crescita ha superato il valore del 7,8% all’anno dal 2010. Tuttavia, guardando ai periodi di 10 anni passati (negli ultimi 90), il valore ha superato la crescita in ogni decennio dagli anni ’40.

Decennio Sovraperformance del valore

1930s -0.5%

1940s 10.8%

1950s 5.6%

1960s 4.2%

1970s 8.1%

1980s 7.4%

1990s 0.7%

2000s 8.0%

2010s -2.6%

I dati qui sopra sono stati raccolti ed elaborati da Fama (Premio Nobel 2013 per l’Economia) e French.

Ora, contro l’incertezza economica e altri cambiamenti strutturali, la divergenza tra crescita e valore sta iniziando a cambiare per la prima volta in oltre un decennio.

Cosa sta guidando le azioni value?

Ad un livello più ampio, le seguenti forze hanno guidato la sovraperformance dei titoli value e dei titoli growth.

Fattori di mercato generali per l’investimento di valore

  • Tassi di interesse in aumento
  • Recupero del mercato
  • Ambiente inflazionistico
  • Risultati dei guadagni a lungo termine

Fattori di mercato generali per l’investimento nella crescita

  • Tassi di interesse bassi
  • Mercato toro
  • Ambiente disinflazionistico
  • Aumento degli utili aziendali

Quindi, come si applica tutto questo oggi?

In un periodo di inflazione (e di aumento dei tassi), i guadagni attuali diventano più preziosi e quelli futuri meno. Tipicamente, i “titoli di valore” sono valutati in base ai loro guadagni correnti, mentre i “titoli di crescita” sono valutati in base ai loro guadagni futuri.

Di conseguenza, i periodi inflazionistici hanno teso a favorire i titoli value e i periodi deflazionistici hanno teso a favorire i titoli growth. Quando i prezzi salgono, le aziende con guadagni reali sono potenzialmente meglio posizionate per aumentare i prezzi e mantenere i margini di profitto.

Allo stesso tempo, è importante che gli investitori evitino le trappole del valore, che sono società che scambiano al di sotto del valore e che sono in difficoltà finanziarie. Per aiutare a mitigare questa sfida, i gestori di investimenti attivi possono aiutare a identificare le aziende appropriate.

Segno dei tempi

Vale la pena notare che non si tratta di valore contro crescita. Invece, stili diversi hanno ottenuto risultati migliori in momenti diversi. Naturalmente, è importante per gli investitori considerare una serie di variabili per i loro portafogli:

  • Obiettivi di investimento
  • Orizzonti temporali
  • Volatilità
  • Obiettivi ESG

Con questi in mente, gli investitori possono implementare le migliori strategie per aiutare a raggiungere i loro obiettivi.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto