di:  

Trickle-down economics: più ricchi... e più poveri

Trickle-down economics: più ricchi… e più poveri

La trickle-down economics è una teoria che sostiene che i benefici per i ricchi si ripercuotono su tutti gli altri. Questi benefici sono rappresentati da tagli alle tasse sulle imprese, sui redditi alti, sulle plusvalenze e sui dividendi.

Che cos’è la trickle-down economics

È basandosi su queste definizioni che il neo premier britannico Liz Truss ed il suo Cancelliere dello Scacchiere, ossia il Ministro dell’Economia, Kwasi Kwarteng, avevano deciso di attuare una politica economica di questo tipo per rilanciare la crescita in Gran Bretagna. Lo avrebbero fatto, secondo le loro intenzioni, riprendendo principi cari ai conversatori anglosassoni. Principi già applicati a suo tempo dal Presidente Americano Ronald Reagan con la sua celebre Reaganomics, e dalla premier britannica Margaret Thatcher, con l’altrettanto celebre Thatcherismo.

Peccato che questa cosa, in un momento di inflazione decisamente troppo elevata e, soprattutto, con una pandemia ancora non definitivamente sconfita (sebbene sotto controllo) ed una guerra sul suolo europeo dopo quasi 30 anni, non sia piaciuta a nessuno, soprattutto ai mercati. Ed i mercati si sa, governano su tutti, volenti o nolenti.

La sterlina è crollata al minimo storico di sempre (dal 1792… avete letto bene) nei confronti del dollaro. Il rendimento delle obbligazioni britanniche è schizzato alle stelle, costringendo addirittura la Banca d’Inghilterra ad intervenire pesantemente con estesi acquisti per tranquillizzare i mercati e salvare diversi fondi pensione inglesi.

Per fortuna, 10 giorni dopo questa scelta (scellerata, in questo momento, diciamolo chiaramente) scelta, il neo governo britannico ha fatto marcia indietro

Definizione

La trickle-down economics è anche definita, con una di quelle traduzioni da dimenticare, come “economia del gocciolamento”. Le sue politiche si basano quindi sulla teoria secondo cui le agevolazioni fiscali e i benefici per le imprese e i ricchi si riversano a cascata e alla fine vanno a beneficio di tutti.

Strumenti come la riduzione dell’imposta sul reddito e le agevolazioni fiscali sulle plusvalenze sono offerti alle grandi imprese, agli investitori e agli imprenditori per stimolare la crescita economica.

L’economia del “trickle-down” presuppone perciò che gli investitori, i risparmiatori e i proprietari delle aziende siano i veri motori della crescita. Essa prevede che questi soggetti utilizzino la liquidità extra derivante dagli sgravi fiscali per espandere le attività. Gli investitori acquisteranno più aziende o azioni. Le banche aumenteranno i prestiti. I proprietari investiranno nelle loro attività e assumeranno lavoratori. Tutta questa espansione si ripercuoterà sui lavoratori stessi. Questi ultimi spenderanno i loro salari per stimolare la domanda e la crescita economica.

Capire la trickle-down economics

L’economia del gocciolamento è un dibattito politico comune, associato all’economia dell’offerta. Sebbene non esista un’unica politica economica globale identificata come economia trickle-down, una politica è considerata “trickle-down” se beneficia in modo sproporzionato le imprese e gli individui ricchi nel breve periodo, ma è progettata per aumentare gli standard di vita di tutti gli individui nel lungo periodo.

Sia gli sforzi di stimolo del presidente Herbert Hoover durante la Grande Depressione che l’uso di tagli alle imposte sul reddito del presidente Ronald Reagan, già nominati, sono stati descritti come “trickle-down”.

I teorici dell’economia dell’offerta ritengono, quindi, che la riduzione della regolamentazione e gli sgravi fiscali per le imprese e per i percettori di redditi elevati inneschino gli investimenti delle imprese e stimolino l’occupazione.

Politiche economiche trickle-down

La riduzione dell’imposta sul reddito delle società, i tagli fiscali per i ricchi e la deregolamentazione sono le fasi iniziali di una politica di trickle-down. Poiché più denaro rimane nel settore aziendale, gli investimenti delle imprese possono essere attivati con nuove fabbriche, tecnologie aggiornate, attrezzature e un aumento dell’occupazione.

Le persone ricche possono spendere di più, creando una maggiore domanda di beni nell’economia. L’aumento del mercato del lavoro porta a maggiori spese e investimenti, creando una crescita in settori come l’edilizia abitativa, le automobili, i beni di consumo e la vendita al dettaglio.

L’incremento dell’economia porta a un aumento del gettito fiscale e, secondo la teoria questa economica, il gettito aggiuntivo ripagherà i tagli fiscali originari per i ricchi e le aziende.

Questa teoria economica è simile all’economia dell’offerta. Quest’ultima teoria afferma che tutti i tagli alle tasse stimolano la crescita economica.

Una maggior specificità

La teoria del trickle-down è, invece, più specifica. Dice che i tagli fiscali mirati funzionano meglio di quelli generali. È favorevole a tagli alle imposte sulle società, sui guadagni di capitale e sui risparmi. Non promuove tagli fiscali generalizzati. Al contrario, i tagli fiscali vanno ai ricchi. I benefici ricadono su tutti gli altri.

Sia i sostenitori del trickle-down che quelli del lato dell’offerta utilizzano la Curva di Laffer per dimostrare le loro teorie. L’economista Arthur Laffer ha dimostrato come gli sgravi fiscali abbiano un potente effetto moltiplicatore. Nel corso del tempo, creano una crescita sufficiente a sostituire le entrate statali perse a causa dei tagli. La conseguente espansione e prosperità dell’economia fornisce una base imponibile più ampia.

Laffer ha avvertito che questo effetto funziona meglio quando le tasse si trovano nella “fascia proibitiva”. Questo intervallo va da un’aliquota fiscale del 100% a un’aliquota non specificata del 50% circa. Vediamo meglio questi concetti.

L’economia trickle-down e la Curva di Laffer

L’economista americano Arthur Laffer, membro dell’amministrazione Reagan, sviluppò un’analisi in stile curva a campana che tracciava la relazione tra le variazioni dell’aliquota fiscale ufficiale del governo e le entrate fiscali effettive, nota come Curva di Laffer.

Curva di Laffer

La forma non lineare della Curva di Laffer suggerisce che le imposte potrebbero essere troppo leggere o troppo onerose per produrre il massimo gettito. Un’aliquota d’imposta sul reddito dello 0% e un’aliquota d’imposta sul reddito del 100% producono ciascuna un gettito di 0 dollari per il governo.

Allo 0% non è possibile riscuotere alcuna imposta, ma al 100% non c’è alcun incentivo a generare reddito, il che suggerisce che tagli specifici alle aliquote fiscali aumenterebbero le entrate totali incoraggiando un maggior reddito imponibile.

L’idea di Laffer secondo cui i tagli alle imposte potrebbero incrementare la crescita e il gettito fiscale è stata rapidamente etichettata come “trickle-down”. Sotto il presidente Reagan, tra il 1980 e il 1988, l’aliquota fiscale marginale massima negli Stati Uniti è scesa dal 70% al 28%. Tra il 1981 e il 1989, le entrate federali totali aumentarono da 599 a 991 miliardi di dollari.

I risultati hanno supportato empiricamente uno dei presupposti della Curva di Laffer, ma non hanno potuto dimostrare una correlazione tra la riduzione delle aliquote fiscali più alte e i benefici economici per i lavoratori a basso e medio reddito.

Critiche all’economia trickle down

Sebbene i teorici della trickle-down sostengano che più denaro nelle mani dei ricchi e delle aziende promuova la spesa e il capitalismo del libero mercato, ciò avviene solo con l’intervento del governo., come è successo con la Reaganomics, che aumentò le spese statali del 2,5% all’anno, triplicando il debito federale.

I critici sostengono che l’aggiunta di benefici per i ricchi può distorcere la struttura economica, in quanto i lavoratori a basso reddito, senza una pari riduzione delle tasse, aumentano la disuguaglianza di reddito. Molti economisti sostengono che la riduzione delle tasse per i poveri e le famiglie lavoratrici stimoli l’economia aumentando la spesa per beni e servizi, mentre una riduzione delle tasse per un’azienda può essere destinata al riacquisto di azioni o a maggiori risparmi per i ricchi.

Molti fattori guidano la crescita, tra cui la politica monetaria di una banca centrale (FED, BCE, BoE, BoJ, ecc.) e la riduzione dei tassi di interesse. Il commercio e le esportazioni, le vendite delle aziende locali a quelle straniere e gli investimenti diretti esteri di società e investitori all’estero contribuiscono all’economia.

Nel dicembre 2020 è stato pubblicato un rapporto della London School of Economics, che ha esaminato cinque decenni di riduzioni fiscali in 18 Paesi ricchi, scoprendo che esse hanno costantemente avvantaggiato i ricchi, ma non hanno avuto alcun effetto significativo sulla disoccupazione o sulla crescita economica.

Perché l’economia trickle-down fallisce

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) respinge la teoria del trickle-down. Nel suo rapporto sull’argomento, redatto da cinque economisti, sostiene che “l’aumento della quota di reddito dei poveri e della classe media aumenta effettivamente la crescita, mentre l’aumento della quota di reddito del 20% superiore si traduce in una crescita inferiore; in altre parole, quando i ricchi diventano più ricchi, i benefici non scendono verso il basso“.

La lotta del FMI contro la disuguaglianza di reddito si basa sul fatto che le spese dei settori a reddito medio-basso sono il motore dell’economia. Anche solo un aumento dell’1% della ricchezza per il 20% dei lavoratori a basso reddito produce una crescita dello 0,38% del prodotto interno lordo (PIL). D’altro canto, l’aumento del reddito del 20% dei percettori di redditi elevati comporta una diminuzione dello 0,08% del PIL.

In conclusione

La teoria del trickle-down postula che i benefici derivanti dalla riduzione delle imposte, dalle plusvalenze, dai dividendi e persino dall’allentamento delle normative sulle società e sugli individui ricchi finiscano per andare a beneficio dei redditi medi e bassi. La ricchezza aggiuntiva derivante dalle detrazioni spingerebbe i ricchi a investire o espandere le imprese, favorendo la crescita economica.

La Curva di Laffer ne sostiene l’effetto, ma solo fino al punto in cui le aliquote fiscali sono ad un livello proibitivo. Al di fuori di questa fascia, la teoria del trickle-down è considerata inattuabile.

L’economia trickle-down in genere non funziona perché:

  • La riduzione delle tasse per i ricchi spesso non si traduce in un aumento dell’occupazione, della spesa dei consumatori e delle entrate pubbliche nel lungo periodo.
  • Al contrario, la riduzione delle tasse per i redditi medi e bassi farà crescere l’economia attraverso il fenomeno del trickle-up.
  • L’aumento del reddito dei ricchi, derivante dai tagli fiscali, non farà altro che aumentare la crescente disuguaglianza di reddito.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto