di:  

Sta per esplodere una bomba globale sul debito?

Sta per esplodere una bomba globale sul debito?

Una buona parte dei Paesi a basso reddito si trova sull’orlo di una crisi del debito, facendo temere un contagio globale.

La bomba del debito globale sta per esplodere?

La “bomba del debito globale” è un termine usato per descrivere i crescenti livelli di debito che si sono accumulati in tutto il mondo, detenuti sia da governi che da privati e aziende.

Le ragioni dell’aumento del debito globale sono molteplici. Uno di questi è il calo prolungato dei tassi di interesse degli anni passati. Quando i tassi d’interesse sono bassi, per i mutuatari è più conveniente contrarre debiti. Questo ha portato a un aumento dei prestiti sia del settore pubblico che di quello privato post Grande Recessione.

Un’altra ragione dell’aumento del debito globale è l’invecchiamento della popolazione. Vivendo più a lungo, le persone trascorrono più anni in pensione. Ciò significa che devono risparmiare di più per la pensione, il che può portare a un aumento del debito.

L’aumento del debito globale ha sollevato preoccupazioni circa una potenziale crisi del medesimo. Se i livelli di debito diventano troppo alti, potrebbero verificarsi diversi problemi, tra cui:

  • Una diminuzione della crescita economica;
  • Un aumento dell’inflazione;
  • Una diminuzione degli investimenti;
  • Una crisi finanziaria.

Sta quindi per esplodere una bomba globale del debito? È impossibile dirlo con certezza. Tuttavia, il suo aumento è motivo di preoccupazione. Se i governi e le imprese non prendono provvedimenti per ridurre i livelli di indebitamento, in futuro potrebbe verificarsi una grave crisi finanziaria.

Lo stato attuale

L’ammontare totale del debito globale è sconcertante. Si stima che nel 2023 supererà i 300.000 miliardi di dollari. Si tratta di una cifra più che doppia rispetto a quello esistente nel 2000.




La maggior parte del debito globale è detenuto dai governi. Si stima che nel 2023 il debito pubblico supererà i 200.000 miliardi di dollari. Ciò equivale al 92% del PIL mondiale.

Quello rimanente è detenuto da privati e aziende. Nel 2023, si stima che il debito privato sarà di oltre 100.000 miliardi di dollari. Ciò equivale al 60% del PIL mondiale.

I rischi di una crisi

I rischi associati a una crisi debitoria globale sono molteplici. Tra questi vi sono:

  • Una diminuzione della crescita economica. Se i livelli di debito diventano troppo elevati, si può verificare una diminuzione della crescita economica. Questo perché le imprese saranno meno propense a investire e ad assumere nuovi lavoratori se temono di poter ripagare i loro debiti.
  • Un aumento dell’inflazione. Quando i livelli di debito sono elevati, può verificarsi un aumento dell’inflazione (come è successo negli ultimi 18 mesi). Questo perché il governo potrebbe essere costretto a stampare più denaro per ripagare i debiti, con conseguente aumento dell’offerta di moneta.
  • Una diminuzione degli investimenti. Se i livelli di debito diventano troppo elevati, si può verificare una diminuzione degli investimenti. Le imprese, infatti, saranno meno propense a investire in nuovi progetti se temono di poter ripagare i propri debiti.
  • Una crisi finanziaria. Una crisi del debito globale potrebbe portare a una crisi finanziaria. Infatti, se un gran numero di mutuatari non riesce a ripagare i propri debiti, potrebbe verificarsi un crollo del sistema finanziario.

Cosa si può fare per prevenire una crisi?

Molto in breve, ci sono diverse cose che si possono fare per prevenire una crisi del debito globale. Tra queste:

  • I governi possono ridurre i livelli di debito tagliando le spese e aumentando le tasse.
  • Le imprese possono ridurre i loro livelli di debito pagando i debiti e aumentando i profitti.
  • I singoli individui possono ridurre i livelli di debito pagando i loro debiti e risparmiando di più.
  • Le organizzazioni internazionali possono collaborare per coordinare le misure di riduzione del debito per i Paesi che stanno lottando per ripagarli.

Un problema reale: il debito dei Paesi in via di sviluppo a basso reddito

La maggior parte dei Paesi in via di sviluppo a basso reddito è già in difficoltà o è prossima ad una crisi debitoria. Nel frattempo, si prevede che le due grandi economie mondiali, Stati Uniti e Cina, vedranno un aumento del loro debito pubblico a livelli più alti rispetto a prima della pandemia.

Il Ghana e lo Sri Lanka hanno fatto default sul loro debito estero nel 2022 (lo sapevate? probabilmente no…), due anni dopo lo Zambia, che è stato un caso emblematico nel 2020, quando era diventato il primo Paese africano ad andare in default sul proprio debito sovrano in seguito alle devastazioni della COVID-19.

Il Pakistan e l’Egitto sono sull’orlo del default (anche questo vi coglie di sorpresa, vero?). Il 30 giugno, il Pakistan ha ottenuto un accordo provvisorio di finanziamento di 3 miliardi di dollari con il Fondo Monetario Internazionale (FMI), ottenendo un potenziale sollievo a breve termine.

I livelli di debito pubblico globale rimangono comunque elevati – al 92% del prodotto interno lordo (PIL) alla fine del 2022, come già detto – nonostante siano diminuiti rispetto ai livelli record registrati durante la pandemia COVID-19, quando hanno toccato il 100% del PIL alla fine del 2020.

Questa crisi debitoria è quindi prossima a un contagio globale? I Paesi a basso reddito sono molto più a rischio degli altri? Alcune nazioni saranno costrette ad accettare condizioni difficili per i salvataggi? E cosa possono fare i Paesi più ricchi e le istituzioni finanziarie come il FMI e la Banca Mondiale per alleviare questo dolore?

La risposta breve è… beh, no: il crescente debito dei Paesi poveri è allarmante, ma non ci sono prove di un contagio che potrebbe innescare una crisi globale. Ancora. Tuttavia, economisti ed esperti di gestione affermano che i Paesi ricchi devono agire rapidamente per coinvolgere i creditori relativamente nuovi, tra cui la Cina e il settore privato, in accordi di ristrutturazione per una ripresa economica più rapida, e per evitare che si ripeta la crisi debitoria degli anni ’80, che ha bloccato per anni decine di Paesi meno sviluppati.

Un collasso vicino?

Le nazioni più povere, che sono state colpite più duramente dalla crisi della sanità pubblica durante l’epidemia COVID-19, hanno dovuto dipendere maggiormente dai prestiti esterni per sopravvivere.

Circa il 60% dei Paesi in via di sviluppo a basso reddito è ora ad alto rischio o in difficoltà debitoria e ha subito, o sta per iniziare, un processo di ristrutturazione del debito. Questa percentuale era del 40% prima della pandemia.

La situazione del debito è stata aggravata dall’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, che ha portato a un aumento dei prezzi globali delle materie prime e dei prodotti alimentari.

In totale, 52 Paesi in via di sviluppo – che ospitano la metà della popolazione mondiale che vive in condizioni di estrema povertà – stanno affrontando gravi problemi di debito e alti costi di finanziamento.

Per concludere…

L’aumento del debito globale è motivo di preoccupazione. Tuttavia, non è troppo tardi per prendere provvedimenti per prevenire una crisi del medesimo. Agendo ora, possiamo contribuire a garantire che l’economia globale rimanga stabile e prospera.

Oltre a quanto detto sopra, ecco altri fattori che potrebbero contribuire a una crisi globale in materia di denaro:

  • Un forte e ulteriore aumento dei tassi di interesse.
  • Un calo della crescita economica (per qualsiasi motivo).
  • Uno shock finanziario, come un crollo del mercato azionario o una crisi bancaria.

Se uno di questi fattori dovesse verificarsi, potrebbe portare a un improvviso e forte aumento delle insolvenze. Ciò potrebbe innescare una crisi globale del debito.

È importante notare che non c’è alcuna garanzia che si verifichi una crisi in materia, comunque.

Tuttavia, i rischi sono reali e non vanno ignorati. Prendendo provvedimenti per ridurre i livelli debitori e rafforzare il sistema finanziario globale, possiamo contribuire a mitigare questi rischi e a prevenire una crisi del debito globale.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

    La tua email *

    Numero di cellulare

    Nome *

    Cognome *

    *

    *

    Inserisci sotto il seguente codice: captcha