di:  

LEASE

Si è aperto oggi a Milano Lease 2021, il salone del leasing dedicato al tema del “Leasing e la ripartenza del Paese”

Gli obiettivi del Salone sono quelli di: mostrare l’adattabilità del leasing al PNRR Piano Nazionale Ripresa e Resilienza attraverso il finanziamento ad artigiani, microimprese e PMI dei loro investimenti fissi, cioè dei loro acquisti di beni destinati alla produzione; discutere temi di attualità e interesse dell’industria del leasing, degli operatori e degli stakeholders

Il presidente di ASSILEA, Carlo Mescieri, ha spiegato come ASSILEA, l’associazione nazionale delle società di leasing, colga l’occasione del Salone per far sentire la propria voce al mercato, al Potere Legislativo, a Banca d’Italia, al mondo delle banche alle associazioni imprenditoriali.




I clienti del Leasing sono la cosiddetta Spina dorsale del Paese (artigiani e PMI) che numericamente rappresentano il 95% delle imprese per il 70% del PIL, cioè la ricchezza del Paese.

Mescieri ha anche affermato come il leasing sia “più di un finanziamento tradizionale” per il contenuto di servizi impliciti alla sua natura, unico nel suo genere; ciò “non in ottica di contrapposizione bensì di complementarietà” ai servizi bancari a beneficio della clientela.

In mattinata il Salone ha ospitato il messaggio del presidente dell’ABI Associazione Bancaria Italiana, dr. Antonio Patuelli, che ha sottolineato come il leasing sia un “fondamentale strumento per l’attività economica”, a sostegno degli investimenti posti in essere dall’imprenditoria italiana.

Il dr. Patuelli, rispondendo alle domande postegli, ha anche parlato dell’inflazione, pericolo di cui si era perso traccia negli ultimi 3-4 anni e delle dinamiche in atto nel “mondo delle banche”. La partecipazione al Salone del Leasing da parte del presidente dell’ABI è un evento storico, mai verificatosi in precedenza.

Il nutrito calendario di LEASE2021 ha visto anche la partecipazione nella mattinata di mercoledì:

-del Vicepresidente della Fondazione Edison, Marco Fortis, economista e docente universitario che ha presentato il quadro economico nazionale

-di Marco Granelli, presidente nazionale di Confartigianato che ha intrattenuto i presenti sulla situazione in cui versa il mondo confartigianale

-di Maurizio Marchesini, Vice Presidente Confindustria con delega alle Filiere e Medie Imprese,

-di Davide Grignani, Presidente AIAF Associazione Italiana per l’Analisi Finanziaria,

moderati da Maria Latella. 

Il Salone proseguirà nel pomeriggio di mercoledì 20 e nella giornata di giovedì 21 ospitando tavole rotonde con all’ordine del giorno temi di attualità nel contesto dell’industria del leasing, quali la transizione tecnologica e l’innovazione digitale, la mobilità in Europa, l’agricoltura 4.0, la possibilità di finanziare investimenti pubblici, il mondo della nautica, l’evoluzione nel mondo del lavoro con il remote working e quella correlata agli agenti e mediatori creditizi.

Partecipanti alle tavole rotonde affermati professionisti, docenti universitari e managers.

Nel Salone viene anche trattato il tema dello “shadow banking” secondo quanto riferito di recente dall’Autorità di Vigilanza europea, con cui questa ha dichiarato la volontà di “accendere i fari” sulle attività finanziarie e parafinanziarie praticate da soggetti “non vigilati” a danno della legalità e trasparenza del mercato, tema sul quale Carlo Mescieri, a nome di ASSILEA, ha dichiarato la piena sintonia configurando quella attività come una “concorrenza sleale” anche al mondo del leasing.

ANDAMENTO DEL LEASING

Con circa 410 mila contratti e più di 18,2 miliardi di euro di stipulato nei primi otto mesi dell’anno, nel 2021 il leasing torna ai livelli pre-pandemia del 2019. Il prodotto più importante è il leasing strumentale, che veicola il 70% dei finanziamenti delle PMI in tecnologie innovative e green di cui alla Nuova Sabatini, contribuendo in maniera sostanziale alla ripartenza del Paese. Il peso del leasing rispetto al finanziamento e medio lungo termine destinato a investimenti produttivi ha raggiunto il 30%.

Complessivamente, i settori a cui si rivolge principalmente il leasing sono il comparto delle imprese manifatturiere, che rafforza il proprio peso sul totale (37,2%), quello dell’industria del trasporto e magazzinaggio (13,2%) e le imprese del commercio all’ingrosso e al dettaglio (12,9%).

Cresce il leasing alle imprese di costruzione e alle imprese agricole. Il comparto dei macchinari per l’edilizia civile e stradale e quello dei beni agricoli si attestano al primo posto nel leasing strumentale. torna a crescere il leasing immobiliare e continua a crescere il leasing di veicoli industriali. Balzo dello stipulato leasing nel comparto delle rinnovabili, +147% nei primi otto mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo del 2019.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da STOP SECRET SRL, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto