di:  

Come la tecnologia sta plasmando il futuro del credito

Come la tecnologia sta plasmando il futuro del credito

Il credito al consumo è in continua evoluzione da più di 5.000 anni, ma la realtà è che i cambiamenti più drastici nel settore sono arrivati abbastanza di recente.

I moderni sistemi di credito sono ora alimentati da sofisticati algoritmi di valutazione, l’uso di dati di tendenza e alternativi, e applicazioni fintech innovative. Mentre questi sviluppi sono tutti interessanti di per sé, insieme servono come base tecnologica per un cambiamento molto più profondo nel credito al consumo nei prossimi anni.

Diamo quindi uno sguardo all’avanguardia del credito al consumo, comprese le nuove tecnologie e le tendenze globali che stanno plasmando il futuro di come i consumatori di tutto il mondo avranno accesso al credito stesso.

Il grande problema 

Il più grande problema che i creditori hanno sempre affrontato è ben documentato. In un mutuatario c’è molto di più che il suo punteggio di credito. Eppure i creditori non sempre hanno una visione a 360 gradi dell’affidabilità creditizia di un consumatore per valutare meglio il suo punteggio complessivo.

Chiamata “asimmetria informativa“, questa lacuna si è ridotta nel corso degli anni grazie ai progressi della tecnologia e delle pratiche commerciali. Tuttavia, persiste ancora in situazioni particolari, come quando uno studente universitario non ha una storia di credito, o quando un agricoltore rurale in India vuole prendere un prestito per comprare semi per le colture.

Ma grazie alla crescente quantità di dati – così come la tecnologia per fare uso di quei dati – alti livelli di asimmetria informativa potrebbero presto essere una cosa del passato.

Le forze che modellano il futuro del credito

Ecco alcune delle principali forze che guideranno il futuro del credito al consumo, affrontando il problema dell’asimmetria informativa e rendendo disponibile al pubblico un’ampia varietà di prodotti di credito:

1. Dati in crescita – Il 90% dei dati di tutta la storia umana è stato creato solo negli ultimi due anni.

2. Cambiamento del paesaggio normativo – I nuovi regolamenti internazionali stanno rimettendo i dati personali nelle mani dei consumatori, che possono controllare i dati personali a cui autorizzano l’accesso.

3. Tecnologie che cambiano il gioco – L’apprendimento automatico (machine learning), l’apprendimento profondo (deep learning) e le reti neurali (neural networks) stanno dando alle aziende un modo per ottenere approfondimenti dai dati.

4. Focus sull’identità – L’autenticazione dell’identità dei consumatori diventerà cruciale man mano che il credito diventerà sempre più digitale. Blockchain e biometria potrebbero giocare un forte ruolo (lo vedremo dopo).

5. Il boom del Fintech – La democratizzazione dei dati e della tecnologia sta permettendo a giocatori piccoli e di nicchia di entrare e offrire prodotti nuovi e innovativi ai consumatori.

Più dati, nuovi modelli

Nessuno può prevedere il futuro, ma le forze di cui sopra stanno modellando l’industria del credito nell’essere un’esperienza molto diversa per i consumatori e le imprese. Ecco come potrebbero cambiare le cose.

Gli attuali algoritmi di valutazione del credito usano regressioni logistiche per calcolare i punteggi, ma queste regressioni arrivano al massimo a 30-50 variabili. Inoltre, questi modelli non possono “imparare” cose nuove come può fare l’IA (intelligenza artificiale).

Tuttavia, con le nuove tecnologie e un’esplosione senza precedenti di dati in corso, significa che questo “rumore” può essere convertito in approfondimenti che potrebbero aiutare ad aumentare la fiducia nel mercato del credito. I nuovi algoritmi saranno multivariati, e saranno in grado di estrarre, strutturare, pesare e utilizzare questo tesoro di dati.

  • Intelligenza artificiale: L’apprendimento automatico può “imparare” da massicci set di dati e applicare queste lezioni per ottenere un punteggio migliore.
  • Modello Bayesiano: I modelli possono aggiornare le probabilità man mano che sono disponibili più informazioni, aiutando a prevedere meglio l’affidabilità creditizia.
  • API: Le interfacce di programmazione delle applicazioni (API) rendono più facile per gli sviluppatori utilizzare le tecnologie, i dati e costruire nuove applicazioni.
  • Reti neurali: I sistemi di IA ispirati al cervello, progettati per replicare il modo in cui gli esseri umani imparano, sono utilizzati per l’apprendimento profondo. Questo permette l’elaborazione di dati grezzi, non strutturati e spesso astratti per ottenere nuovi approfondimenti.

Le reti neurali saranno in grado di esaminare miliardi di punti di dati per trovare e dare un senso a modelli estremamente rari. Saranno anche in grado di spiegare perché una particolare decisione è stata presa – e in un momento in cui la trasparenza è cruciale, questo sarà fondamentale.

I dati saranno nelle mani dei consumatori

Oggi, molti dei dati finanziari dei consumatori – come le storie di rimborso dei prestiti – sono tenuti quasi esclusivamente da banche e agenzie di credito.

Tuttavia, domani si prospetta un paradigma molto diverso: molti dei dati saranno direttamente nelle mani dei consumatori. In altre parole, i consumatori saranno in grado di decidere come i loro dati verranno utilizzati, e per cosa. In Europa, sono già stati fatti dei cambiamenti per trasferire il controllo dei dati personali al consumatore, come le iniziative PSD2, GDPR e Open Banking (nel Regno Unito).

Gli esperti vedono la tendenza verso i dati aperti crescere a livello globale, e alla fine sarà anche possibile raggiungere gli Stati Uniti. I dati aperti permetteranno ai consumatori di:

  • Riavere il controllo dei dati di controllo, mutuo, prestito e carta di credito
  • Dare più informazioni volontariamente per sbloccare offerte migliori dai creditori
  • Concedere l’accesso a terzi (fintech, app, ecc.) per utilizzare questi dati in nuove applicazioni e prodotti
  • Ottenere l’accesso a tassi migliori, nuovi modelli di prestito e altro

L’identità sarà altrettanto importante

Man mano che le transazioni diventano più digitali e remote, il modo in cui i prestatori verificano l’identità dei mutuatari sarà tanto importante quanto i dati del prestito stesso.

Perché? Il credito si basa sulla fiducia – e la frode è il rischio maggiore per i prestatori.

Ma le frodi possono essere prevenute grazie alle nuove tecnologie che aiutano a rilevare le anomalie e a provare l’identità di un mutuatario:

Blockchain – I database distribuiti e resistenti alle manomissioni possono aiutare a proteggere le identità delle persone da attività fraudolente

Biometria – Impronte digitali, riconoscimento facciale e altri schemi di identificazione biometrica potrebbero aiutare a proteggere le identità

Nuovo gioco, nuovi giocatori

Con la vasta espansione dei tipi e del volume dei dati di credito, le nuove tecnologie e i dati standardizzati nelle mani dei consumatori, ci sarà una nuova era di aziende terze e app che possono fornire servizi utili e rilevanti per i consumatori.

Quelli che seguono sono solo alcuni campi emergenti nel settore dei prestiti:

Prestiti P2P: Una banca deve essere necessariamente l’intermediario? Con i prestiti peer-to-peer, sei abbinato a un prestatore/mutuatario appropriato.

Microprestiti: Il prestito non ha sempre bisogno di essere in grandi quantità, come per un mutuo o un prestito auto.

Punteggio di credito alternativo: Test psicometrici o l’uso di altri flussi di dati possono essere usati per alimentare questa forma meno tradizionale di prestito.

Servizi di nicchia: Con un campo di gioco aperto, le aziende riempiranno ogni vuoto immaginabile.

In futuro, i consumatori potrebbero non dover nemmeno richiedere il credito – potrebbe essere assegnato loro automaticamente in base al comportamento, all’età, al patrimonio e ai bisogni.

I consumatori avranno più controllo e più opzioni che mai.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto