di:  

MoneyTec e AWS lanciano AssegnoCERTO. Lo sponsorizza Banca Progetto

Il prodotto permette di rendere più sicuri gli assegni bancari, circolari e FAD grazie al cloud e alla blockchain

MoneyTec, centro d’eccellenza riconosciuto a livello nazionale nello sviluppo di soluzioni basate su blockchain, in collaborazione con Amazon Web Services (AWS), ha lanciato AssegnoCERTO. Quest’ultimo, sponsorizzato da Banca Progetto, e presentato il 24 marzo scorso al Forum ABILab 2021, è un sistema evoluto che permette al sistema bancario di rendere sicura ed efficace la gestione degli assegni bancari, dei circolari e dei FAD, avvalendosi della blockchain e dell’infrastruttura cloud di AWS. AssegnoCERTO inoltre consente la circolarità delle informazioni per le banche aderenti al servizio e assicura una maggiore cooperazione tra di esse, al fine di scongiurare rischi e frodi. Banca Progetto, autorizzata da Banca d’Italia e esternalizzare l’intera infrastruttura tecnologica in cloud ad AWS, ha favorito il contatto tra quest’ultima e MonetTec, ponendo così le basi per la collaborazione tra le due società.




Fabio Lampasona, Chief Executive Officer di MoneyTec , ha commentato: “Dalla nascita dei primi assegni, decreto regio del 21 dicembre 1933, la negoziazione degli assegni è rimasta pressochè invariata. Tuttavia, con l’evoluzione delle tecnologie e delle nuove modalità di scambio del denaro, l’assegno ha perso progressivamente appeal ed è aumentato il livello di rischio percepito. Nasce da qui, la volontà di usare la tecnologia per ridare nuova consapevolezza e nuova linfa ad un sistema di pagamento più adatto a coprire fasce di mercato molto particolari e moderne. La blockchain è perciò il motore trainante della sicurezza dei pagamenti e della tracciabilità degli stessi”. Alessandro La Pergola, Chief Operating Officer di Banca Progetto, ha aggiunto: “AssegnoCERTO è il classico esempio di innovazione che parte da un esigenza reale della clientela e del mondo banking. Seguiamo ed incoraggiamo sempre iniziative volte a migliorare il sistema anche in casi in cui, come banca digitale, non ne abbiamo un diretto benefico. Crediamo fortemente che questo sia il miglior modo per promuovere l’utilizzo di tecnologie innovative quali la blockchain, declinandole in casi reali e concreti”.

Sempre in ambito blockchain, nel marzo scorso la banca ha erogato un finanziamento da 800 mila euro a Young, startup fintech con sedi a Torino e Londra che ha lanciato una piattaforma di trading di criptovalute accessibile a tutti. Banca Progetto è molto attiva nelle partnership  con le società fintech o tecnologiche. Nel marzo scorso infatti ha siglato un accordo con FinDynamic, fintech attiva nel dynamic discounting. Nell’ottobre 2020 Banca Progetto ha investito 1,5 milioni di euro nella fintech Faire.ai, con cui nel febbraio scorso ha siglato una partnership insieme alla piattaforma italiana di open finance Fabrick, allo scopo di lanciare l’instant lending per le pmi. La stessa banca lo scorso gennaio ha siglato una partnership con Digital On Things (DOT), società di consulenza che opera nel mondo CRM (Customer Relationship Management) e data monetization e supporta la piattaforma Salesforce integrandone i servizi offerti. Banca Progetto nel settembre 2020 aveva stretto una partnership anche con la fintech italiana Modefinance, che fa capo a Teamsystem. Nell’ottobre scorso Banca Progetto aveva  avviato una collaborazione con Solutions to Enterprises (S2E), società di consulenza in ambito business e technology innovation.

Banca Progetto è nata  da Banca Lecchese, una piccola banca di territorio. Dal 2015 è controllata dal fondo americano Oaktree Capital Management, che l’ha completamente rinnovata, nel management, mettendovi a capo il ceo Paolo Fiorentino, e nell’organizzazione, trasformandola in una challenger bank, con  solo le sedi principali, una a Milano e una a Roma. I dati preliminari del 2020 diffusi dalla banca a nel marzo scorso hanno registrato un utile netto di 12 milioni di euro, da una perdita di 7 milioni nel 2019. Banca Progetto punta a quotarsi in Borsa nel 2023.




CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp