di:  

studio EY

Rapporto EY: attesi 400 miliardi di NPE nel 2024

Lo studio di EY Italia ha evidenziato un’escalation dello stock di NPE in seno al sistema bancario italiano che entro il 2024 arriverà a 402 miliardi di euro

Oltre 400 miliardi di euro è il volume stimato da EY circa lo stock di NPE – Non Performing Exposure (il rapporto tra il totale dei crediti deteriorati e il totale dei crediti erogati da una banca) che graverà sul sistema bancario italiano entro la fine del 2024. La società di consulenza ha previsto che l’ammontare degli Npl e Utp raggiungerà quota 369 miliardi entro la fine del 2022, per poi arrivare a 402 miliardi nei successivi due anni. Numeri allarmanti, frutto della pandemia e della recente guerra in Ucraina, che ha contribuito ad un generale innalzamento dei prezzi e dei costi dell’energia. Secondo EY, lo stock degli NPE è ben al di sopra della media europea: 4,9% contro 2,1%. Fanno meglio del nostro Paese altre nazioni importanti come il Portogallo (3,9%), la Francia (2%) e la Germania (1,1%).

Dopo diversi anni di calo, il volume di Npl e Utp è tornato a crescere, in particolare le inadempienze probabili che hanno superato le sofferenze. Il picco era stato raggiunto nel 2015 quando il volume complessivo degli NPE ammontava a circa 342 miliardi di euro. Da lì in poi è iniziata la discesa, grazie ad importanti cessioni di portafogli e al sostegno offerto dalla Gacs, la garanzia pubblica. Tuttavia, a fronte della crisi pandemica, che ha congelato l’economia per alcuni mesi e paralizzato interi settori, lo stock di NPE è tornato a salire fino a raggiungere i 330 miliardi di euro di fine 2021, con i crediti Utp in netto aumento.

Allo stato attuale, le imprese a rischio classificate Utp sono circa 144 mila: 100 mila società non finanziarie e 44 mila aziende familiari. Le previsioni indicano che crescita degli unlikely to pay continuerà anche in futuro. La maggior parte dei nuovi flussi sarà Utp, caratterizzati da ticket medio-piccoli (il 40% sotto i 2 milioni, il 25% tra 150 mila e 2 milioni). Infine, EY ha dedicato gli ultimi capitoli del proprio studio al focus sulle procedure esecutive e sulle Gacs. Per quanto riguarda il primo aspetto, EY ha segnalato un gap 5 anni fra i tribunali più virtuosi e meno virtuosi. Per quanto riguarda il secondo, dal 2016 ad oggi il 40% delle operazioni Npl sono avvenute con la garanzia statale per un totale di 40 transazioni.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto